spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Marzo 2017 Aprile 2017 Maggio 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 13 1 2
Settimana 14 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 15 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 16 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 17 24 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Unioni Civili arrow Unioni Civili: il Parlamento decida
Unioni Civili: il Parlamento decida PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
venerdì 19 febbraio 2016

ImageUNIONI CIVILI - Di rinvio in rinvio le donne e gli uomini del Parlamento italiano non riescono a decidere come discutere delle unioni civili. Ma questo non ci stupisca, dato che si è partiti da un dibattito pubblico «pessimo, fazioso, inquinato dagli estremismi e dalle falsificazioni» per dirla con le parole di Mario Calabresi del suo editoriale del 18 febbraio su Repubblica.it  Se poi, come al solito, il Movimento 5 Stelle fa un passo indietro, la Senatrice Cirinnà non dovrebbe mettersi in discussione: da quando è nato, e sin da prima dei discutibili Vaffa days, il movimento che fa capo a Beppe Grillo ha di fatto operato numerosi tira-e-molla, contribuendo ben poco a quel cambiamento epocale delle -e nelle- istituzioni, che era sembrato volerne essere il vessillo iniziale. «Quella al voto ieri era la pallida copia di una legge che esiste da tempo nel resto dell’Occidente,-scrive Calabresi- niente di rivoluzionario. Una legge che dovrebbe servire a sanare due ritardi storici e a rispondere a cambiamenti profondi delle nostre società. Pare abusato ripetere che il Paese e l’opinione pubblica hanno metabolizzato da tempo le coppie non sposate, che non desta scandalo l’amore tra due uomini o tra due donne e che il diritto di stare accanto al proprio compagno in ospedale o a non perdere la casa se uno dei due muore sono il minimo per una comunità civile. Sembrava la volta buona, eppure abbiamo dovuto assistere ancora allo spettacolo sconfortante e penoso di un Parlamento che naviga a vista, senza orizzonte, senza coraggio.[…] Giochini […] di un Parlamento che non si rende conto di quanto sia già screditato.»

 

Per approfondire, leggi qui COSA PRECEDE VERAMENTE IL  DDL CIRINNA’ BIS

 
< Prec.
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB