spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Legge 194 arrow Aborto fuori norma: ancora una sanzione contro le donne
Aborto fuori norma: ancora una sanzione contro le donne PDF Stampa E-mail
Scritto da Surfing   
mercoledì 02 marzo 2016

ImageROMA – Il decreto legislativo per le depenalizzazioni varato dal Consiglio dei Ministri il 15 gennaio scorso, introduce anche un super aumento della sanzione a carico delle donne che ricorrono all'aborto fuori norma (oltre termini temporali stabiliti dalla Legge 194), o fuori dalle strutture autorizzate. La sanzione che da 50euro arriva a cifre tra i 5 ed i 10mila euro, colpisce soprattutto le donne che oggi in Italia vengono sfruttate sessualmente. Il problema reale degli aborti fuori norma sembra essere che «chi ha scritto questa legge non ha alcuna percezione reale del problema». «È una follia: multare delle donne che non possono fare altro. Colpire loro, le più deboli lungo la catena dello sfruttamento» quando in Italia si deve assistere allo scandalo del 70% dei medici in forza nelle strutture pubbliche autorizzate che si appellano al proprio diritto di obiezione di coscienza, con picchi fino al 90% in regioni quali Basilicata e Molise, situazione che di fatto limita -e non poco!- il diritto delle donne all’interruzione di gravidanza …a termini di legge!  Il danno e la beffa: si impedisce una sicura IVG e si multano le donne che incappano nelle sue conseguenze. Così un gruppo di associazioni ha lanciato una protesta sul web, e su Twitter con l'hashtag #ObiettiamoLaSanzione insieme ad un appello a Renzi ed alla ministra Lorenzin: nessuna donna infatti sceglierebbe l’aborto clandestino se si garantisse la piena applicazione della legge 194. Come andrà a finire?

 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB