spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Marzo 2017 Aprile 2017 Maggio 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 13 1 2
Settimana 14 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 15 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 16 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 17 24 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Elezioni 2016 arrow Giorgia Meloni candidata sindaca. Ma i pregiudizi non sono superati
Giorgia Meloni candidata sindaca. Ma i pregiudizi non sono superati PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
mercoledì 16 marzo 2016

ImageROMA - Giorgia Meloni si è candidata. La leader di Fratelli d’Italia ha annunciato ufficialmente oggi di essere in corsa per la poltrona di sindaca di Roma: “Scendo in campo per vincere”, e chiede alle altre forze della coalizione di destra di sostenerla. I pregiudizi non sono superati ma la candidatura di una donna, e per giunta in gravidanza, assesta una simpatica spallata al popolo dei pregiudizi, quello che ha aperto un’incredibile, se non ridicola polemica sostenendone 'l’incandidabilità' perché in attesa di un figlio/a! Ma...l'’impedimento dove sarebbe? E’ ormai nota a tutti la posizione del candidato Bertolaso, e di Berlusconi che lo sostiene, che l’hanno invitata a rinunciare perché “deve fare la mamma”. Sul punto è intervenuta anche Giulia Bongiorno, avvocata e co-fondatrice dell’associazione in difesa delle donne vittime di violenza, Doppia Difesa, cogliendo l’occasione per sottolineare quanto ancora la parità sia lontana, e quanto forte sia ancora il pregiudizio nei confronti delle donne. Per non parlare della forza degli stereotipi ci sarebbe da aggiungere. “Agli uomini non viene ascritta debolezza o capacità dimezzata quando nascono figli” afferma in un’intervista a L’Espresso. Mentre, ad una successiva domanda (falsamente?) ingenua dell’intervistatrice, se si possa fare campagna elettorale col pancione, risponde: Guardi, se il tema è il pancione parliamo del nulla: il problema vero è l’altro, l’accudimento del bambino. […] Perché comunque si crede che debba essere lei quella su cui cadono tutti gli oneri.” Quanto alle difese di Bertolaso e Berlusconi (volevano proteggerla, parlavano nel suo interesse, seguire Roma è un impegno terribile...), espresse in quello che Bongiorno definisce “tutto un gioco di finti piedistalli”, senza mezzi termini aggiunge: E a lei cosa frega di essere protetta? Come se si potessero sostituire alla sua scelta. Diventa, per loro, l’alibi per dire di aver fatto una cosa elegante”.

Ultimo aggiornamento ( martedì 05 aprile 2016 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB