spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2020 Settembre 2020 Ottobre 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 36 1 2 3 4 5 6
Settimana 37 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 38 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 39 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 40 28 29 30
 

 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow *Politica e Attualità arrow Attentati a Bruxelles:Roma non si fermi in nome della protezione
Attentati a Bruxelles:Roma non si fermi in nome della protezione PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
martedì 22 marzo 2016

ImageROMA - Da Parigi a Roma, l'attacco fa innalzare il livello dei parametri di sicurezza. Il premier francese: "Siamo in guerra". Putin condanna gli "attacchi barbari" di questa mattina nella capitale belga. Riunioni d'emergenza in tutte le capitali. Dopo ogni attentato in Europa, Roma rilancia la chiamata alla massima allerta con relativa accresciuta protezione per i propri “siti sensibili”. Ma se si riuscisse ad eliminare i pericolosi colli di bottiglia che a Roma generano un po’ dappertutto queste azioni protettive, si attuerebbero misure più efficaci. Creare lunghe file di persone, assembramenti, ingorghi, con la gente costretta ad interminabili file, come ad esempio PRIMA dei controlli di sicurezza negli aeroporti, non mette al riparo nessuno da un ipotetico attentatore che volesse agire nell’affollata hall di un altro aeroporto. Creare blocchi con autopattuglie messe di traverso per le strade, magari sotto le case dei diplomatici a Roma, ostacola il traffico e non sembra il massimo della gestione della prevenzione. Bene presidiare le strade ed i luoghi sensibili, bene non farsi chiudere dalla paura nelle case, ma a che pro restringere e rallentare la mobilità delle persone, in una Roma già di per sé sempre congestionata? Se questo crea maggiori assembramenti non si lascia un maggior numero di persone potenzialmente esposte in caso di attentati? Anche in questo senso occorre che la gestione della Capitale faccia una volta per tutte un’accurata riflessione!

Ultimo aggiornamento ( martedì 22 marzo 2016 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB