spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Luglio 2019 Agosto 2019 Settembre 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4
Settimana 32 5 6 7 8 9 10 11
Settimana 33 12 13 14 15 16 17 18
Settimana 34 19 20 21 22 23 24 25
Settimana 35 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Linguaggi e media arrow NO Fake & Hate arrow L'intolleranza si sconfigge conoscendo i diritti umani
L'intolleranza si sconfigge conoscendo i diritti umani PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
martedì 05 aprile 2016

ImageROMA - Per contenere e combattere il dilagare di atteggiamenti discriminatori, degli inviti al disprezzo, all’insulto ed all’odio sui social e nel web, il Consiglio d’Europa ha lavorato (dal 2012) ad un progetto di educazione destinato a ragazze e ragazzi, dal nome  No Hate Speach, pensato per aiutare i/le giovani a ritrovare la capacità di una convivenza civile e per aiutare a sostituire intolleranza ed odio insensato, alle volte agiti per noia, superficialità, o per emulazione, con le controtendenze della riflessione, della presa di coscienza e del rispetto. Una moderna formula di educazione civica, a partire dall’educazione ai diritti umani. Bisogna infatti aiutare i/le giovani a comprendere i pericoli che si nascondono dietro offese ed insulti, tanto nella vita reale, quanto nel mondo virtuale. Abbandonando l’alibi dell’involontarietà. A questo proposito ieri, 4 Aprile, la Camera dei Deputati ha dedicato al tema una giornata “NO HATE” . Nel corso del convegno è stato presentato il Manuale “BOOKMARKS”, a cura del movimento No Hate Speech, un testo destinato alle scuole superiori, nato per combattere parole ed atteggiamenti di odio attraverso l’educazione (anche degli internauti) ai diritti umani. Il manuale è SCARICABILE QUI. All’azione di prevenzione sono chiamati a contribuire anche docenti e genitori, ai quali viene chiesto di non essere passivi di fronte a episodi di odio e discriminazione sul web”.

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB