spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Luglio 2019 Agosto 2019 Settembre 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4
Settimana 32 5 6 7 8 9 10 11
Settimana 33 12 13 14 15 16 17 18
Settimana 34 19 20 21 22 23 24 25
Settimana 35 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Linguaggi e media arrow Parole contro le donne arrow RAI e sessismo: in onda l'apoteosi della donna oggetto
RAI e sessismo: in onda l'apoteosi della donna oggetto PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
lunedì 20 marzo 2017

ImageSarà chiuso il programma di RaiUno condotto da Paola Perego, dopo il dibattito sui "motivi per scegliere una fidanzata dell'est". Il dg Rai Campo Dall'Orto: "Contenuti che contraddicono la mission del servizio pubblico e la nostra linea editoriale" (Repubblica.it)

Nella trasmissione condotta da Paola Perego "Parliamone di sabato" si era affrontato l'aulico tema "La minaccia arriva dall'est. Gli uomini preferiscono le straniere" (sottotitolo: "Sono rubamariti o mogli perfette?"). Apoteosi della donna oggetto: donne straniere scelte in moglie perché migliori in quanto silenziose, servili e con un corpo statuario anche dopo il parto... Un tema di altissimo interesse culturale, sul quale certamente il belpaese non vedeva l'ora d'interrogarsi! Al di là del sessismo, del razzismo, e del più becero e decerebrato scherzo goliardico per dirla con le parole della rete delle giornaliste G.I.U.Li.A il programma andato in onda su Rai1 ha offerto, come ha detto la Presidente RAI Maggioni “una rappresentazione delle donne al limite del surreale”. Immediate le scuse del direttore Rai Andrea Fabiano e della stessa Presidente Monica Maggioni che ha inoltre dichiarato: “Ogni giorno ci interroghiamo su quale immagine di donna veicoliamo, su come progredire, uscire dagli stereotipi. Poi accade un episodio come questo: il problema non è una battuta inconsapevole, ma la costruzione di una pagina su un tema del genere: è un'idea di donna che non può coesistere con il servizio pubblico. Per prima cosa mi scuso. Poi come azienda cercheremo di capire come è nata una pagina di questo tipo". Ma le donne oggi sono davvero un’altra cosa rispetto alla rappresentazione che ne è stata fatta da questo programma. Tutti complici, ospiti, attori, autori, di questo circo dell’improbabile, di questo disgustoso e pericoloso dileggio dell’altra, dell’altro, e di sé. Viene da domandarsi allora: cui prodest? Ma non basta: Power&Gender unisce la propria voce all’indignazione generale e condivide il comunicato di Cpo ed Esecutivo Rai qui di seguito riportato

 

 

COMUNICATO ESECUTIVO E CPO USIGRAI SULLA DISGUSTOSA PUNTATA DI "PARLIAMONE SABATO"

Parliamone sabato. Rai 1. Il pomeriggio della rete ammiraglia, in piena fascia protetta, dedicato alle presunte qualità del donne dall'est Europa che ne farebbero dei rubamariti. Un siparietto disgustoso di cui come dipendenti, come donne e uomini della rai ci vergognamo. Una lista di luoghi comuni, violenti, beceri e umilianti.

Ci chiediamo come possa accadere che il Servizio Pubblico mandi in onda senza alcun controllo un tale coacervo di sessismo e razzismo in barba a qualsiasi policy aziendale e tradendo oltretutto i principi della Convenzione. Positivo che la Presidente e il Direttore di Rai1 si siano scusati. Ma ovviamente non può bastare. È indispensabile che vengano presi provvedimenti nei confronti di tutti i responsabili.

Esecutivo e Cpo Usigrai

Ultimo aggiornamento ( martedì 21 marzo 2017 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB