spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Settembre 2017 Ottobre 2017 Novembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 39 1
Settimana 40 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 41 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 42 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 43 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 44 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Violenza di genere arrow Iniziative di sensibilizzazione arrow Reagire alla violenza e tornare a vivere. E lavorare.
Reagire alla violenza e tornare a vivere. E lavorare. PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
lunedì 02 ottobre 2017

ImageREAGIRE ALLA VIOLENZA - STORIE A LIETOFINE - In provincia di Napoli, a Poggiomarino, Antonella, Raffaela e Maria, fuggite da realtà familiari violente hanno aperto un locale, chiamandolo "Viva" , anche col sostegno di Legacoop che nel progetto ha investito 25mila euro. Le tre donne, tutte vittime di violenza domestica e familiare, sono state messe in contatto dai propri legali, e pur senza conoscersi, hanno accettato la sfida di costituire una cooperativa ed aprire un’attività. Perché l’indipendenza economica è un dato essenziale per potersi lasciare alle spalle le costrizioni di un rapporto violento, dal quale non puoi uscire se non hai di cosa vivere.  «Le donne come noi non hanno amiche – dice Maria Sorrentino, 33 anni, che oggi vive a casa dei genitori – non abbiamo nulla. Da anni non parlo con nessuno, non esco di casa, non riesco nemmeno ad accompagnare i miei due figli a scuola. Mio marito mi segue ovunque, nonostante il divieto di avvicinamento. Ma ora voglio essere più forte di lui. Anche se ho paura di uscire, sono contenta di andare a lavorare e i miei figli sono più felici di me per questo. Affronterò le mie paure per uscire da quest’incubo». Antonella Cangianiello è presidente della cooperativa, 39 anni, due figli Erika 12 e Giuseppe, 10. Una vita durissima, un coraggio da leone nonostante 17 anni di violenze subìte da un marito alcolizzato. «Questo è il mio primo lavoro in assoluto – racconta Raffaela Caracciolo, 24 anni, un bimbo, Angelo di 2 - avevo tanti sogni, mi sono laureata alla Federico II in Economia. Invece ho nascosto per troppo tempo anche a me stessa la dura realtà. Mi dicevo che le cose sarebbero migliorate, giustificavo sempre il mio ex compagno, mio unico fidanzato». E invece, ingiurie, percosse, Raffaela non può nemmeno uscire a stendere il bucato. Il suo compagno vede amanti immaginari dappertutto… Ma uscirne, ricominciare, liberarsi e tornare a vivere è possibile LEGGI L’ARTICOLO di Tiziana Cozzi  SU Repubblica.it

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB