spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 8 - Minori e pubblicità arrow Messaggio pubblicitario e psiche infantile
Messaggio pubblicitario e psiche infantile PDF Stampa E-mail
Scritto da ep   
martedì 27 marzo 2007

ImageAGGANCIO – IDENTIFICAZIONE – COINVOLGIMENTO - IDENTITA’ & GENERE - MODELLI, VALORI e STILI DI VITA: Anna Maria Ajello Docente di Psicologia dell’educazione dell’Università la Sapienza di Roma guida i presenti alla comprensione dei fenomeni che emergono dai dati della ricerca, risultato della complessa interazione tra messaggio pubblicitario e psiche infantile. Elena Pezzoli Coordinatrice scientifica della ricerca, precisa quanto i ragazzi tra i 10 ed i 12 anni «sul punto di uscire dall’infanzia ma non ancora entrati nell’adolescenza» siano in una fase intermedia, quella dello sviluppo di funzioni come «giudizio e ragionamento».

AGGANCIO: I pubblicitari riescono a catturare l’attenzione di bambini e bambine con messaggi capaci di toccare le loro corde, sollecitandole in maniera efficace. Secondo Ajello allora davvero «varrebbe la pena di analizzare queste strategie anche da parte di coloro che rivestono responsabilità educative» con riferimento alla scuola «ma non solo».

IDENTIFICAZIONE: La ricerca rileva che i preadolescenti «sognano di diventare come i protagonisti» degli spot «anche se sanno di non poterlo essere», sottolineando l’enorme divario tra realtà dell’essere ed il desiderio di emulazione. «Se da una parte sembrano avere i piedi ben piantati a terra, dall’altra sognano di essere aggressivi, belli, vincenti, senza problemi come i protagonisti della pubblicità».

COINVOLGIMENTO: La pubblicità opera a livello «cognitivo, emotivo, relazionale. Risponde ai bisogni o li induce […] e costituisce una fonte potente di identificazione» in un momento in cui a livello sociale si lamenta la mancanza di modelli autorevoli.

IDENTITA’ e GENERE: Qui conta la differenza di genere e gli effetti dei messaggi viziati di pubblicità e televisione sono più evidenti sulle bambine. Queste ultime –come risulta dalla lettura dei dati- sembrano più inclini «ad aspirazioni plasmate sui modelli proposti». Questo avviene in parte perché le figure femminili sono spesso protagoniste degli spot in diversi ruoli, ma anche perché le bambine vivono un grande conflitto: in età adolescenziale è normale essere conflittuali per crescere, mentre a loro si richiede di replicare un modello stereotipato «non oppositivo» e «considerato più femminile» che le sottopone a «forti pressioni sociali». Alle bambine si chiede di fare "le brave" anche per «risultare attraenti ai loro pari maschi» sopprimendo in qualche modo «le più autentiche caratteristiche della loro indole».

MODELLI, VALORI e STILI di VITA:

Con le nuove tecnologie pubblicitarie «paradossalmente il problema si accentua. Mentre gli spot del passato erano centrati sull’equazione: ‘hai un bisogno, risolvilo con il consumo’ quelli attuali sono fortemente motivazionali, più che informativi. Puntano a stupire e impressionare, a creare un tipo di bisogni che in sostanza dicono: ‘vuoi essere come lei/lui? Basta consumare il tal prodotto’. Siamo passati quindi dalla pubblicità che induceva consumi creando bisogni, alla pubblicità che induce consumi creando modelli sociali e di comportamento».


Lodi, Presidente Publicis, rileva qui un dato importante: bambine e bambini assorbono dalla comunicazione pubblicitaria, più snella, variata e veloce, i suoi modelli di riferimento, condividendo i “valori” “trasmessi” e manifestando, al contempo, uno scarso interesse all’acquisto del prodotto pubblicizzato (34% del campione). Un mix esplosivo basato sulla «creazione di emotività» nel quale si intravede la premessa della crisi di identità e valori nel confronto con “il reale” che non tarderà a manifestarsi alla soglia del passaggio nell’età adolescenziale.

Ultimo aggiornamento ( sabato 31 marzo 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB