spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2020 Settembre 2020 Ottobre 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 36 1 2 3 4 5 6
Settimana 37 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 38 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 39 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 40 28 29 30
 

 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow *Democrazia Paritaria arrow M5S cambia lo Statuto di Roma Capitale
M5S cambia lo Statuto di Roma Capitale PDF Stampa E-mail
Scritto da GIM   
giovedì 01 febbraio 2018

ImageROMA - Se Il buongiorno si vede al mattino… Per Roma “a 5 stelle” é notte FONDA! Ma che bella idea !!! Cambiare lo Statuto di Roma Capitale il 30 gennaio, con 27 voti a favore, 6 contrati e nessun astenuto (su 38 presenti, quindi con 5 presenti che non hanno partecipato al voto). I principali cambiamenti? Attaccare la rappresentanza.

Con l’eliminazione del criterio della composizione paritaria della Giunta di Roma Capitale e delle Giunte dei municipi.

Con la soppressione prevista nel nuovo Statuto della Commissione delle elette

Con la Commissione di Parità FATTA DAI CONSIGLIERI E DALLE CONSIGLIERE (?)

La presenza delle DONNE che passa da 50 e 50 a 40 è 60 è motivata da una doppia menzogna: la legge DelRio e l’adeguamento dello Statuto:

1)perché la legge Delrio prescrive, al comma 137, che “Nelle giunte dei comuni con popolazione superiore a 3.000 abitanti, nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40 per cento, con arrotondamento aritmetico“. Quindi nessun obbligo di legge comporta di abbassare una percentuale che è prescritta come minima e non come massima. (ma forse vogliono 60% di donne e 40 di uomini...)

 

2) perché il vigente Statuto prevede persino la possibilità di derogare alle Giunte con la presenza di entrambi i sessi “di norma in pari numero“, “motivando le scelte difformemente operate“.

Quanto alla Commissione - leggere il testo che segue

Articolo 23. Commissione delle Pari Opportunità

  1. Al fine di promuovere e programmare le politiche rivolte al conseguimento delle pari opportunità in favore di tutti i cittadini, è istituita la Commissione delle Pari Opportunità, composta dalle Consigliere e dai Consiglieridell’Assemblea Capitolina e rispecchiando la proporzione dei Gruppi Capitolini.
  2. La Commissione formula all’Assemblea proposte e osservazioni su ogni questione che possa avere attinenza con il tema delle pari opportunità. A tal fine la Commissione, qualora se ne presenti la necessità, può avvalersi del contributo di apposite associazioni (di donne), di movimenti rappresentativi delle realtà sociali, culturali, scientifiche, lavorative, sindacali e imprenditoriali nonché di esperti delle condizioni di discriminazione di genere e delle forme di disparità sociale.
  3. La Giunta Capitolina consulta preventivamente la Commissione in ordine agli atti di indirizzo da proporre all’Assemblea Capitolina attinenti alle tematiche delle pari opportunità.
  4. - 5. – 6. idem

     

    QUANTO A PARTECIPAZIONE E TRASPARENZA DEL PROCESSO DEMOCRATICO : Per modificare lo Statuto di Roma Capitale non si è provveduto all’obbligo previsto dall’articolo 43 dello Statuto vigente, della pubblicazione su almeno due quotidiani e il ricorso ad altri idonei strumenti di comunicazione“.
    La frase pubblicazione su almeno due quotidiani è stata cassata dal nuovo Statuto
     

     

    Il Mo Vi mento (MO’ VI MENTO) Onesta Onestà, partecipazione per tutti e Trasparenza (?)... Se Lo Conosci, LO EVITI !!!
     

 

 

Ultimo aggiornamento ( lunedì 05 febbraio 2018 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB