spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Maggio 2018 Giugno 2018 Luglio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 23 1 2 3
Settimana 24 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 25 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 26 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 27 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Elezioni arrow Si vota : chi c'è in lista?
Si vota : chi c'è in lista? PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
venerdì 02 marzo 2018

ImageChe si chiamino Partito, Lista, Associazione o Movimento , alle prossime elezioni politiche per il rinnovo della Camera dei Deputai e del Senato parteciperanno in 31

Per ESSERCI per partecipare alle elezioni è stato necessario “…Associarsi liberamente in Partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”(art.49 Costituzione) presentare un documento programmatico e indicare il nome del CAPO della forza politica.

Sul sito del Ministero dell’interno sono pubblicati i programmi di tutti i partiti e le persone di riferimento.

Gli schieramenti in campo comprendono partiti di destra e di sinistra, più chi dice di non essere né di destra né di sinistra : il MoViMento 5 stelle di proprietà di Beppe Grillo e dell’ azienda Casaleggio, ereditata alla morte del padre dal figlio Davide.

Si vota per la prima volta con una legge elettorale il Rosatellum, che dopo la bocciatura dell’Italicum il 4 dicembre con il referendum, ha sostituito il cosiddetto Porcellum.

Il Pd ha provato con Lega e Fratelli d’Italia il ritorno al Mattarellum , affossato da Forza Italia e Movimento 5 st; seconda ipotesi 50% proporzionale e 50% maggioritario, ancora una volta bocciato da Forza Italia e Movimento 5 ST; l’attuale compromesso al ribasso è stato votato assieme a Lega , Forza Italia e AP. La mancanza di una legge elettorale richiesta esplicitamente sia da Napolitano che da Mattarella univa in un abbraccio stretto Forza Italia e Movimento 5 stelle , i partiti con “proprietari" .

Nel corso della campagna elettorale si confrontano dunque tre opzioni Destra, Sinistra, NèdestraNèsinistra - (vedi il seguito)

Riassunto in Pillole .....

 

La Destra , se ha in mente un progetto di riappropriazione del potere , si coalizza, accantona le divisioni e presenta fantastici, irrealizzabili, programmi ….

Primus VINCERE adesso che il Governo dei tecnici in precedenza , e del PD successivamente , con Renzi e Gentiloni ha rimesso in carreggiata l’italia .

Il partito guida della coalizione di destra Forza Italia ritorna. Scomparsa dopo il fallimento delle politiche (e il quasi fallimento dell’Italia) e la condanna e l’interdizione di Berlusconi, risuscita coi finanziamenti del fondatore ,25 anni dopo; Vorrebbe rimpatriare i profughi “10.000 al mese” , immemore di aver firmato PERSONALMENTE l’accordo di Dublino che obbliga il paese di primo approdo a trattenere chi sbarca sulle nostre coste.,, Aggrega la Lega di Salvini, smanioso di diventare primo ; Fratelli d’Italia della Meloni, e Noi con l’ Italia di Fitto.

Pronti a dare una mano dall’esterno l’ estrema destra dichiaratamente fascista di Casapaund e l’Italia agli italiani. la destra è in compagnia di altre liste come Blocco Nazionale per le libertà, contrari a unioni civili, IVG e per riportare al governo il pargolo di casa Savoia …Si accompagnano a liste presenti solo in alcune regioni come Grande Nord , il Popolo della Famiglia, Destre unite Forconi.

E’ interessante anche la proliferazione di piccole liste che “cambiano di mano” mantenendo il simbolo come il PPA … Forse i regolamenti parlamentari andrebbero cambiati.

-----------------------------------------------------

La Sinistra, se ha in mente un progetto di più democrazia , più giustizia , più libertà, più lavoro per tutti, quando il Paese è ad un bivio importante… si divide.

Se sapesse osservare, dovrebbe riconoscere il momento, non per sé ma per tutti e ricordare che “UNITI si Vince

ll Partito Democratico , principale riferimento della sinistra, è in coalizione con + Europa di Emma Bonino; Lista Civica e Popolare di Beatrice Lorenzin e Italia Europa Insieme dei partiti dei verdi e socialisti.

Alla sinistra del PD si presentano al confronto elettorale ovviamente regolarmente divisi e rancorosi ben 5 partiti “ comunisti “ isolati e perdenti

Potere al Popolo , sostenuto dai centri sociali , che riunisce i rimasugli di quel che fu “Rifondazione” il partito nato dalla scissione di Bertinotti che uscì dal partito di Cossutta, “Rifondazione Comunista”che a sua volta si era scisso dal partito non più “comunista” ma PDS di Natta e Occhetto; Rifondazione che con una ulteriore scissione ha dato vita a SEL che si è unita alla lista di Roberto Speranza (Mdp), Nicola Fratoianni (Si) e Pippo Civati (Possibile) che sono diversi da Fassina che con Bersani e Dalema insieme a Grasso sono Liberi e Uguali; e che sono diversi da Lista del Popolo per la Costituzione dell’ex magistrato Ingroia,oggi avvocato che è diverso dalla Sinistra Rivoluzionaria di Claudio Bellotti e ancora più diverso dal Partito Comunista di Rizzo e Turigliatto che fecero cadere Prodi . …

------------------------------------------------------------------------------------------------

NèdestraNèsinistra - Il Mo-Vi-Mento 5 stelle, ha in mente un unico obiettivo: la maggioranza assoluta e governare da soli…In tempi recenti l’esperienza è stata fatta da Mugabe, da Chavez, da altre repubbliche sudamericane e dai partiti razzisti e xenofobi di ogni parte del mondo.

L’esperienza di 5 anni, maturata nella XVII legislatura non ha evidentemente prodotto una classe di governo ( in 5 anni si prende una laurea.., master compreso) ma ha portato alla nomina del Capo , nominato da Grillo, alla faccia “della democrazia della rete, della trasparenza, e Uno Vale Uno”. Il Capo si è impegnato, con il padrone della Casaleggio, a ricercare fuori dal movimento, e presentare, una fanta-squadra di governo composta da esterni al MoViMento - i sempre deprecati e odiati …TECNICI, bollati come usurpatori se in squadra con Mario Monti , bravi, bravissimi se proposti dal Capo…

Ciò che conosciamo è (all’interno) la lite sui rimborsi, l’abbandono da parte di oltre il 10% degli eletti in Parlamento; la secretazione e il soffocamento del dibattito interno. All’esterno il NO ripetuto ad ogni proposta di avanzamento del Paese: dal No al Presidente della Repubblica Mattarella, No alle unioni Civili, No allo Ius Soli, No alla riforma costituzionale, No alla reintroduzione del Falso in Bilancio, No alla riforma della scuola, No No NO. … accompagnate da molte false notizie e fango sugli avversari , considerati nemici.

Le esperienze amministrative a livello locale sono eloquenti, a Roma come a Torino: quella del sindaco di Parma ,Pizzarotti, esperienza positiva, è stata espulsa dal MoViMento.

 

 
Ultimo aggiornamento ( venerdì 02 marzo 2018 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB