spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Marzo 2018 Aprile 2018 Maggio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 14 1
Settimana 15 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 16 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 17 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 18 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 19 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Violenza di genere arrow Molestie sul posto di lavoro arrow WE TOOgether - Quando le donne politiche agiscono…unite
WE TOOgether - Quando le donne politiche agiscono…unite PDF Stampa E-mail
Scritto da irene Giacobbe   
martedì 10 aprile 2018

Image Roma 10 aprile 2018 -Non c’è chi non associ immediatamente le due parole ME TOO alla denuncia di molestie sessuali, per ottenere un lavoro, per mantenere un lavoro, per poter vivere e continuare a fare la professione che si è scelta.  Sospinta dalla denuncia di attrici di tutto il mondo, si è estesa ad ogni tipo di lavoro, in ogni settore e campo di attività. Dalla scuola agli ospedali, dalle università  alle industrie…E’ la ripresa - a distanza di quasi trenta anni e di una intera generazione - della lotta alle molestie e ai ricatti sul lavoro e della richiesta di interventi concreti per combatterle. l’ILO , l’organizzazione internazionale del Lavoro, proporrà nella prossima Assemblea Generale l’adozione di una convenzione ad hoc, e in Italia, in silenzio, ma in maniera efficace le donne presenti nel Governo Italiano- e nel Dipartimento Pari Opportunità,  in attesa che il Parlamento vari  finalmente una legge-  hanno inserito, e fatto approvare, nella legge di bilancio 2018 un articolo  importante il n 218 . Il divieto di sanzioni, trasferimenti demansionamenti, licenziamenti  o altre ritorsioni per chi denuncia le molestie, aggiungendo  la responsabilità civile  (ex art 2087 CC) dei datori e dei loro delegati che evitino di intervenire per prevenire e rimuovere le molestie. La legge di bilancio si compone di un unico articolo e di molti comma Il 218 è...


 218. All’articolo 26 del Codice* di cui al decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, sono apportate le seguenti modificazioni:

 
*(Codice delle pari opportunità tra Uomo e Donna 
Libro III  - Titolo 1 -Capo 1   
Articolo 26 (Molestie e Molestie sessuali)  

a) al comma 3, primo periodo, le parole:« commi 1 e 2 » sono sostituite dalle seguenti: « commi 1, 2 e 2-bis »;

b) dopo il comma 3 sono aggiunti i seguenti:

«3-bis. La lavoratrice o il lavoratore che agisce in giudizio per la dichiarazione delle discriminazioni per molestia o molestia sessuale poste in essere in violazione dei divieti di cui al presente capo non puo' essere sanzionato, demansionato, licenziato, trasferito o sottoposto ad altra misura organizzativa avente effetti negativi, diretti o indiretti, sulle condizioni di lavoro, determinati dalla denuncia stessa. Il licenziamento ritorsivo o discriminatorio del soggetto denunciante e' nullo. Sono altresi' nulli il mutamento di mansioni ai sensi dell'articolo 2103 del codice civile, nonche' qualsiasi altra misura ritorsiva o discriminatoria adottata nei confronti del denunciante. Le tutele di cui al presente comma non sono garantite nei casi in cui sia accertata, anche con sentenza di primo grado, la responsabilita' penale del denunciante per i reati di calunnia o diffamazione ovvero l'infondatezza della denuncia.
 

3-ter. I datori di lavoro sono tenuti, ai sensi dell'articolo 2087 del codice civile, ad assicurare condizioni di lavoro tali da garantire l'integrita' fisica e morale e la dignita' dei lavoratori, anche concordando con le organizzazioni sindacali dei lavoratori le iniziative, di natura informativa e formativa, piu' opportune al fine di prevenire il fenomeno delle molestie sessuali nei luoghi di lavoro. Le imprese, i sindacati, i datori di lavoro e i lavoratori e le lavoratrici si impegnano ad assicurare il mantenimento nei luoghi di lavoro di un ambiente di lavoro in cui sia rispettata la dignita' di ognuno e siano favorite le relazioni interpersonali, basate su principi di eguaglianza e di reciproca correttezza ».
 
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB