spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 9 arrow Partorire in Africa: un progetto per maggiori tutele
Partorire in Africa: un progetto per maggiori tutele PDF Stampa E-mail
Scritto da La redazione   
mercoledý 04 aprile 2007

ImageAFRICA - In Malawi un ospedale assiste il parto di più di 12mila donne ogni anno. Una delle più grandi strutture del mondo per bacino di utenza, si trova in un paese dove l’aspettativa di vita generale dei suoi cittadini è di 42 anni, dove una donna su cento muore per complicazioni legate al parto, dove il 10% dei bambini non raggiunge i 5 anni, una popolazione che è risultata positiva al virus dell’HIV al 16% e dove ogni donna (in media) da alla luce ben 5 figli.

Nonostante il Bottom Hospital conti uno staff di tre persone tra pediatri e medici ed una cronica carenza di personale di supporto (infermiere, ostetriche) e di materiali (medicine,macchinari) continua ad operare grazie al progetto Sana Maternità in cui è inserito. L'obiettivo è quello di formare nuovi operatori sanitari da inserire nella struttura.  

Promotori dell’iniziativa , che conta anche sul sostegno del Ministero degli esteri italiano, Cestas (Centro educazione sanitaria e tecnologie appropriate sanitarie) ed UNICEF in collaborazione con le strutture sanitarie locali.

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 04 aprile 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB