spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Agosto 2019 Settembre 2019 Ottobre 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1
Settimana 36 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 37 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 38 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 39 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 40 30
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Legalità arrow Impeachment??? NO grazie, #iostoconmattarella
Impeachment??? NO grazie, #iostoconmattarella PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
lunedì 28 maggio 2018

ImageROMA - «Impeachment». Questa la parola che il 27 maggio gela le italiane e gli italiani al concludersi di una giornata meteorologicamente caldissima. «Una serata drammatica, la più lunga della storia repubblicana, la più carica di veleni […] che avvolgono quello che di più importante ci resta, la Carta costituzionale, e il suo supremo garante, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Nell’imbrunire svanisce il sogno del professor Giuseppe Conte di fare il premier non eletto del governo del cambiamento e si piomba in un incubo. La crisi di sistema, la rottura istituzionale, due capi partito che non hanno raccolto insieme la maggioranza degli elettori si atteggiano a padroni di quello che non è loro perché è di tutti» scrive il Direttore Marco Damilano nel suo editoriale su l’Espresso online, mentre si moltiplicano le attestazioni di sostegno (nostra compresa!) al Presidente Mattarella, attaccato da più parti sul web e lasciato solo ad affrontare “la notte più buia della Repubblica”. Questo Presidente, più e più volte tacciato d’immobilismo sin dall’inizio del proprio mandato, dimostra invece in queste ore cosa voglia dire usare la forza della fermezza in difesa del Paese. Sostiene nel suo editoriale su Repubblica.it il direttore Mario Calabresi: «se il Presidente avesse ceduto, piegandosi a ultimatum e minacce, e si fosse rimangiato la sua unica obiezione, sarebbe andato in pezzi l’equilibrio tra i poteri dello Stato. Non ci sarebbe stato più alcun argine alle forzature e all’arroganza#iostoconmattarella

Ultimo aggiornamento ( martedì 29 maggio 2018 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB