spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2020 Settembre 2020 Ottobre 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 36 1 2 3 4 5 6
Settimana 37 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 38 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 39 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 40 28 29 30
 

 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow *Politica e Attualità arrow Perché rimpatriare non è cosa facile
Perché rimpatriare non è cosa facile PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
martedì 05 giugno 2018

Image ROMA - Nella sua prima uscita pubblica, il Ministro dell'Interno Matteo Salvini promette un aumento delle espulsioni degli immigrati irregolari. Ma le misure di allontanamento, già applicate dai precedenti governi, non possono essere attuate così facilmente come affermato dalla Lega in campagna elettorale. Vediamo perché.

Secondo il recente rapporto dell’ISPI (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale), i dati dei rimpatri parlano di numeri irrisori: «tra il 2013 e il 2017 il nostro paese è riuscito a rimpatriare solo il 20% dei migranti a cui è stato intimato di lasciare il territorio, mentre altri paesi, come la Germania ne ha rimpatriati molti di più (il 78%). Per i ricercatori, i motivi non sono nell’inefficienza del sistema o nelle negligenze degli attori coinvolti. Ma in un insieme di fattori che rendono l’espulsione un meccanismo particolarmente complicato: uno dei problemi riguarda la nazionalità delle persone». Il problema e che l’Italia «ha emesso decreti di espulsione in massima misura nei confronti di persone con nazionalità africana (49% Nordafrica; 18% Africa subsahariana). Roma è riuscita a sottoscrivere solo pochi accordi di riammissione con molti dei paesi africani e, anche laddove questi esistono, la loro applicazione da parte di governi e autorità locali è discontinua e disomogenea

Il Ministro e Vicepremier Salvini dovrà pertanto, come primo passo, lavorare per predisporre i necessari protocolli. Gestendo al contempo, secondo le leggi in vigore, i flussi di persone che continueranno ad arrivare. Perché questi flussi non si fermeranno, e perchè in Italia sarebbe inutile costruire muri. Gli auguriamo pertanto, sinceramente buon lavoro. Con un pizzico in più di aderenza al … principio di realtà.

Ultimo aggiornamento ( martedì 30 giugno 2020 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB