spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2020 Settembre 2020 Ottobre 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 36 1 2 3 4 5 6
Settimana 37 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 38 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 39 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 40 28 29 30
 

 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow *Politica e Attualità arrow Aquarius: lenta risoluzione
Aquarius: lenta risoluzione PDF Stampa E-mail
Scritto da Surfing   
martedì 12 giugno 2018

ImageROMA - La situazione della nave Aquarius, con a bordo 629 migranti (100 in più della sua capienza massina) ed in attesa di poterli accompagnare in un porto sicuro, verrà alleggerita con il supporto di “una nave della Marina italiana e una delle guardia costiera” che imbarcheranno e porteranno in Spagna, a Valencia, una parte dei migranti bloccati da tre giorni a bordo della nave di Sos Mediterranée. “Cosi ha deciso all'alba di oggi la sala operativa della guardia costiera di Roma che ha comunicato la soluzione al comandante” della Aquarius, dopo la risposta dell’esordiente ministro dell’Interno Salvini che negando l’approdo, aveva di fatto chiuso i porti italiani.
ANCI esortava: "Non perdiamo l’umanità. In un post su Facebook, il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, affermava: “È vero, dobbiamo cambiare la politica europea sull’accoglienza, ma non possiamo usare queste persone disperate come ostaggi.
NON PERDIAMO L’UMANITÀ”. MEDICI SENZA FRONTIERE: La politica non venga prima della vita delle persone. “Msf teme che ancora una volta la politica degli stati europei sia posta al di sopra delle vite delle persone. LA PRIORITÀ DEVE ESSERE LA SICUREZZA DELLE PERSONE A BORDO”. UNHCR: “Portare a terra i passeggeri. L'Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati si appella ai governi coinvolti per lo sbarco immediato. "Siamo in presenza di un imperativo umanitario urgente. LE PERSONE SONO IN DIFFICOLTÀ E HANNO BISOGNO DI AIUTO IN FRETTA. Questioni più ampie come chi ha la responsabilità e come queste responsabilità possano essere meglio condivise tra gli Stati dovrebbero essere esaminate più tardi".

Ultimo aggiornamento ( martedì 12 giugno 2018 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB