spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Settembre 2019 Ottobre 2019 Novembre 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 40 1 2 3 4 5 6
Settimana 41 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 42 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 43 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 44 28 29 30 31
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Questioni di genere arrow Salute Donna arrow ALZHEIMER: l'aspirina è la nuova alleata?
ALZHEIMER: l'aspirina è la nuova alleata? PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
martedì 10 luglio 2018

ImageALZHEIMER - «Si stima che nel nostro Paese siano 1.241.000 i malati. Nella maggior parte dei casi donne (73,9%), tra i 75 e gli 84 anni (49,1%). Quasi la metà di loro vive in casa con i loro familiari (46,4%) o con altri carer (28,7%), mentre sono pochi coloro che alloggiano presso residenze assistenziali (12,1%).» Un nuovo studio guidato dalla Rush Medical University evidenzia come l'acido acetilsalicilico (l’aspirina) potrebbe essere un alleato: somministrando dosi di aspirina ai topi per un mese, si è notata la facilitazione dello «smaltimento di sostanze tossiche per il cervello […] accumuli che distruggono le connessioni fra cellule nervose e che rappresentano una delle principali manifestazioni dell'Alzheimer. I risultati sono pubblicati su The Journal of Neuroscience.» “Il risultato è preliminare e su cellule animali”, sottolinea Gianfranco Spalletta, responsabile del Centro per i Disturbi cognitivi e le Demenze dell'IRCCS Santa Lucia , “ma fornisce un nuovo elemento di comprensione della malattia. «Così, la strada dell'aspirina potrebbe portare vantaggi non solo per le malattie cardiovascolari, ma anche per le demenze, che colpiscono più di un milione di italiani. Ad oggi, esistono terapie per rallentare la progressione di queste malattie, ma non c'è una cura risolutiva: in questo quadro, conoscere i fattori di rischio e studiare nuovi percorsi per prevenire o trattare ancora meglio la malattia può essere un elemento chiave(Repubblica.it)

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB