spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2018 Agosto 2018 Settembre 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 32 1 2 3 4 5
Settimana 33 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 34 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 35 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 36 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Razzismi arrow L'Italia non è tutta razzista: siamo più di 13
L'Italia non è tutta razzista: siamo più di 13 PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
martedì 31 luglio 2018

ImageROMA - Furono solo 13 i professori che rifiutarono di sottoscrivere il Manifesto della Razza 80 anni fa. Oggi non c’è un Manifesto della Razza, non ancora, ma ci sono già stati troppi episodi, troppe aggressioni, e risuonano con troppa frequenza alcuni slogan ed ingredienti che ne riportano l'eco:
-le parole tossiche contro i migranti: l'invasione e la pacchia;
-la violenza sbaraccante contro i Rom, cittadini italiani poveri;
-la giustificazione ad armarsi per autodifesa contro l'emergenza criminalità;
-il solletico delle paure contro i diversi;
-prima gli italiani!

Tutto questo crea una distinzione. Crea un NOI ed un… DIVERSO da sé. Si intraprende così la discesa lungo la china che porta ad innescare quel meccanismo psicologico che consente di esercitare violenza contro un altro essere umano percepito diverso da sé per sesso, per colore della pelle, per religione, per scelta politica...

Sono le pulsioni che portano al totalitarismo... Sono le giustificazioni della Razza Italiana. NOI ci "difendiamo" perché siamo aggrediti, invasi, dagli stranieri, dai Rom, dal comunismo, dal femminismo, dai gay... e quindi NOI -gli italiani- non "aggrediamo" ci stiamo solamente difendendo.
Non tacere. Bisogna raccontare. Ciò che abbiamo visto succedere -e ripetersi- in questi giorni, ha valore di testimonianza, significa non accettare che accada e che possa ancora ripetersi. Significa ricordare che il fatto di esercitare un potere su un altro essere umano senza alcun controllo, o condanna e repressione esplicita da parte della comunità, porta all'abuso, alla violenza fino alla morte. Noi ricordiamo che i ministri giurano di rispettare la Costituzione (antifascista!) dell'Italia che ripudia non soltanto la guerra ma OGNI DISCRIMINAZIONE. Di sesso, razza, religione ed accoglie chi fugge da guerre, violenza e distruzione.
Furono solo 13 i professori che rifiutarono di sottoscrivere il Manifesto della razza 80 anni fa. Noi, italiani ed italiane antifascisti ed antirazzisti siamo molte, molti di più!

Ultimo aggiornamento ( martedì 31 luglio 2018 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB