spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2020 Agosto 2020 Settembre 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2
Settimana 32 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 33 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 34 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 35 24 25 26 27 28 29 30
Settimana 36 31
 

 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow *Politica e Attualità arrow Diritti: crisi diplomatica tra Arabia Saudita e Canada
Diritti: crisi diplomatica tra Arabia Saudita e Canada PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
martedì 14 agosto 2018

ImageDIRITTI - Ha inizio da un tweet la crisi diplomatica estiva sui diritti umani, sorta tra Canada ed Arabia Saudita. Da quasi 2 settimane «è in corso una crisi diplomatica tra Arabia Saudita e Canada, la cui ultima conseguenza è stato l’ordine di rimpatrio per i 15mila studenti sauditi che frequentano università canadesi e per gli 800 medici e specializzandi sauditi che lavorano negli ospedali canadesi. Tutto è cominciato quando lo scorso 2 agosto la ministra degli Esteri canadese Chrystia Freeland ha espresso su Twitter la sua preoccupazione per l’arresto dell’avvocata e attivista per i diritti delle donne Samar Badawi, invitando l’Arabia Saudita a liberare sia lei che suo fratello, il blogger Raif Sadawi, condannato nel 2014 a dieci anni di carcere e mille frustate. Da allora l’Arabia Saudita ha espulso l’ambasciatore del Canada, richiamato il proprio dal paese e sospeso tutti i voli da e per Toronto della compagnia aerea di bandiera, la Saudi Arabian Airlines. […] In politica interna, nonostante provvedimenti apparentemente progressisti come la concessione del diritto alla guida per le donne, il governo saudita ha continuato a reprimere la libertà di espressione e di religione, a permettere torture e arresti arbitrari, a discriminare le donne, a considerare illegali i rapporti omosessuali e a rifiutare elezioni democratiche. Jamal Khashoggi, un giornalista saudita in esilio negli Stati Uniti, ha detto a Wright che bin Salman (il principe saudita erede al trono- ndr) è già diventato il più autoritario leader saudita dal 1953 (Fonte: ilpost.it)» La cosa assurda è che l'Arabia Saudita non solo è ancora nel Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, ma è anche membro della Commissione sullo status delle donne! (Fonte: AVAAZ - Petizione)

Ultimo aggiornamento ( martedì 14 agosto 2018 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB