spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2018 Novembre 2018 Dicembre 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 45 1 2 3 4
Settimana 46 5 6 7 8 9 10 11
Settimana 47 12 13 14 15 16 17 18
Settimana 48 19 20 21 22 23 24 25
Settimana 49 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Diritto di Famiglia arrow Separazioni ed affido, grandi dubbi sul DDL Pillon
Separazioni ed affido, grandi dubbi sul DDL Pillon PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
giovedì 23 agosto 2018

ImageDIRITTO DI FAMIGLIA - Dopo anni di attese per separarsi e divorziare (inizialmente 7 anni, poi 3), nel 2015 arriva il divorzio breve, e finalmente si chiude in pochi mesi e con poche spese (Legge 55/2015). La bulimia riformatrice dei gialloverdi, che li porta a pensare di poter/dover rimettere mano su ogni fronte, li vede oggi pronti ad introdurre nuove regole, per giunta maschiliste, in tema di riforma dell’affido. Il DDL  Pillon emanato in “attuazione al contratto di governo stipulato dalla maggioranza parlamentare” prevede infatti azioni abbastanza… stravaganti, quando non contraddittorie. Per chi si separa entra l’OBBLIGO d'informarsi sulla “mediazione familiare” (dandone prova), ‘supporto’ ovviamente a pagamento oltre i costi per gli avvocati. Introduce l’affido condiviso dei figli secondo “tempi paritetici” salvo poi non consentirlo se un genitore non ha possibilità di ospitarli in spazi adeguati (vedi Art. 11.2). Introduce l’eliminazione -salvo rari casi- dell’assegno di mantenimento a favore del genitore meno capace economicamente, «novità che però non tiene conto di coloro che non hanno un lavoro o che magari vi hanno rinunciato». I genitori, (vedi Art 15.1) potrebbero poi diventare ostaggio dei figli maggiorenni “non indipendenti economicamente”: il giudice, infatti, “valutate le circostanze, può disporre in favore dei figli maggiorenni non indipendenti economicamente e su loro richiesta il pagamento di un assegno periodico a carico di entrambi i genitori”. «Dal Governo del cambiamento ci si aspettava forse un aiuto concreto alle famiglie in difficoltà; invece rischiamo una riforma che, tra le tante storture, colpirà duramente chi è già in difficoltà.» Ma la politica, si sa, come diceva Robert L. Stevenson: «è l'unica professione per la quale non si considera necessaria alcuna preparazione specifica». (da: Familiar studies of men and book – 1882 – Pag 174)

PER APPROFONDIRE: leggi anche l'articolo di ANNAMARIA BERNARDINI DE PACE

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 07 novembre 2018 )
 
< Prec.
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB