spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Gennaio 2020 Febbraio 2020 Marzo 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 5 1 2
Settimana 6 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 7 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 8 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 9 24 25 26 27 28 29
 

 


AFFI


 
tel_antiviolenza_donna
video testimonianza Bignardi

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home
Perché la politica attacca giornali e giornalist*? PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
giovedì 11 ottobre 2018

ImageMEDIA - L’attacco ai giornalisti ed alle giornaliste, sui social ma non solo, si ripete “con una costanza e una rabbia che non ha precedenti”. "I nuovi potenti sono ossessionati dal nostro lavoro, ma non ci faremo spaventare". Risponde così il direttore di Repubblica, Mario Calabresi, agli attacchi del vicepremier Di Maio e Ministro del Lavoro (sic!) che il 6 ottobre aveva evocato la chiusura del quotidiano ed il licenziamento dei suoi giornalisti.

Questi attacchi si moltiplicano “ma perché non provano a dare risposte credibili alle difficoltà del Paese, perché non provano a costruire futuro, perché perdono tempo a intasare la Rete di polemiche sterili e becere?” scrive ancora su Repubblica giovedì 11 ottobre Calabresi.

In un tempo in cui l’imbarbarimento del dibattito pubblico sembra non trovare confini e la voglia di squalificare e sporcare chi dissente è martellante” questa tecnica di distrazione di massa sembra posta in atto -appunto!- per distrarre anche dalle innumerevoli gaffe di arroganza e/o d’incompetenza, dai commenti (tweet) sessisti, dai linguaggi sboccati e sgrammaticati cui questo ‘nuovo che avanza’ ci vorrebbe però abituati, magari rassegnati, preferibilmente assuefatti.

Proprio per questo, ed ancora una volta usando le parole di Calabresi per dirlo “bisogna restare ben saldi e non perdere di vista i fatti, i valori e i diritti. Bisogna provare [tutti noi, cittadine e cittadini] a tenere accesa la luce”. Per continuare a guardare in faccia la brutale realtà odierna, perché mentre il ‘nuovo che avanza’ lancia slogan e proclami ed insulti dai social network, il paese precipitosamente arretra.

****************************************************************

Cristina Parodi (RAI) dissente? VADA VIA!

Tito Boeri (INPS) dissente sulla quota 100? SI DIMETTA!

Ultimo aggiornamento ( giovedì 11 ottobre 2018 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB