spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Giugno 2019 Luglio 2019 Agosto 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 27 1 2 3 4 5 6 7
Settimana 28 8 9 10 11 12 13 14
Settimana 29 15 16 17 18 19 20 21
Settimana 30 22 23 24 25 26 27 28
Settimana 31 29 30 31
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Speciale 25 Novembre arrow Femminicidio è quando lei dice basta e lui l’ammazza
Femminicidio è quando lei dice basta e lui l’ammazza PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
domenica 11 novembre 2018

ImageNO alla VIOLENZA CONTO le DONNE - Femminicidio è quando lei dice basta e per tutta risposta lui l’ammazza.“A livello mondiale la violenza domestica è la causa principale di morte o lesioni nelle donne tra i 16 e i 44 anni”*. «In oltre 400 casi analizzati, solo il 3,6% degli uomini che hanno ucciso una donna erano portatori di una malattia mentale (dati EURES). Il Prof. Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di Neuroscienze del Fatebenefratelli di Milano afferma: “nella stragrande maggioranza [dei casi di femminicidio] ci troviamo davanti a uomini che hanno comportamenti violenti, aggressivi, prepotenti, una personalità antisociale ed egoistica, e che non tollerano la possibilità per la donna di operare scelte diverse e autonome". Visto che del fenomeno del femminicidio se ne deve riconoscere la valenza pubblica, si agisca affinché le vittime siano protette e tutelate nel proprio bene primario: la vita.»**

«Questo inasprirsi della violenza di genere è un segnale allarmante di una più generale regressione della convivenza civile.”* Semplici litigi o conflitti all’interno della coppia non possono essere la causa del femminicidio come si scrive troppo spesso, troppo superficialmente e molto erroneamente sui social e su alcuni media. La donna vittima della violenza maschile non viene barbaramente uccisa perché litigava con il proprio aguzzino, ma perché questo boia ha deciso di ucciderla in maniera orribile. Non cadiamo per l’ennesima volta nell’errore di fare divenire la vittima colpevole della sua orrenda fine, attribuendole la responsabilità di litigare con il suo compagno. Non diamo ancora una dimensione privata alla violenza di genere, che è un fenomeno sociale a carattere culturale, considerato come “punta dell'iceberg dell'esercizio di potere e controllo dell'uomo sulla donna” (prof. Enrique Gracia).»**

Perché le donne e gli uomini del Parlamento, del Senato, del Governo, di fronte a questa emergenza sociale non fermano almeno il DDL Pillon? Se sarà approvato, costringerà per legge, finchè la violenza domestica non sarà stata “comprovata” (così recita la proposta ma senza ulteriori chiarimenti), bambini e bambine ad avere rapporti il padre violento. Ed esporrà la donna che denuncia al sospetto di manipolare i figli contro il padre, ed al rischio di perdere la “responsabilità genitoriale”.

«Le istituzioni deputate al contrasto della violenza di genere dovrebbero mettere in campo altre prassi, perché se tutto resta così com’è, nulla cambierà sul fronte dei femminicidi. Continueremo ogni anno, in occasione del 25 novembre a fare l’elenco delle vittime dell’anno in corso, come una sorta di inevitabile e tragica conta numerica, con il rischio che la rassegnazione ci prenda e che l’impotenza ci assalga**

*Beatrice Bosi e Maria Grazia Passuello da “Femminicidio. Il femminile impossibile da sopportare” Interventi del 17 Maggio 2013 @ Casa Internazionale delle Donne di Roma

**Vedi Noidonne Articolo di Maddalema Robustelli, che si ringrazia per l’ottimo spunto di riflessione messo a disposizione

Ultimo aggiornamento ( giovedì 22 novembre 2018 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB