spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Giugno 2019 Luglio 2019 Agosto 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 27 1 2 3 4 5 6 7
Settimana 28 8 9 10 11 12 13 14
Settimana 29 15 16 17 18 19 20 21
Settimana 30 22 23 24 25 26 27 28
Settimana 31 29 30 31
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Questioni di genere arrow SPORT arrow Sport & Gender Equality: a che punto siamo in Italia?
Sport & Gender Equality: a che punto siamo in Italia? PDF Stampa E-mail
Scritto da Maria Daniela De Rosa   
martedì 05 marzo 2019

Image
Photo by Jeffrey F Lin on Unsplash
ROMA - Le disuguaglianze di genere esistono, purtroppo anche nello Sport. Se da una parte la partecipazione delle atlete e degli atleti alle competizioni sportive internazionali è molto vicina all'uguaglianza, questo non si può dire per la carriera dirigenziale. In sostanza l'Italia si è adeguata agli standard internazionali relativamente alle competizioni mentre è molto indietro per ciò che riguarda la dirigenza sportiva. Questo è un controsenso in quanto uno dei principi fondanti dello Sport è il principio di uguaglianza. Tra le 40 Federazioni Sportive Nazionali soltanto 7 hanno una Segretaria Generale (Danza Sportiva, Armi sportive, Ciclismo, Cronometristi, Golf, Hockey, Sport Invernali) e nessuna Presidente donna. Al Coni il Presidente e il Segretario Generale sono uomini. Per quanto riguarda i Coni Regionali, su 20 Comitati nessuna Presidente donna e soltanto 9 donne come Segretaria Generale. Perché? Le ragioni sono molteplici.

Perché?

Le ragioni sono molteplici: (i) in Italia lo Sport segue il triste trend nazionale di un grande gap tra i Generi; (ii) esiste un atteggiamento sessista rispetto all' accesso alla dirigenza nelle federazioni, e ai vertici delle Società sportive (che poi sono i luoghi dove si nascono i Presidenti e i Segretari Generali); (iii) alle atlete non viene offerto un piano formativo adeguato per accedere ai vertici della Federazione di riferimento.

Cosa si può fare?

Innanzi tutto creare un luogo dove le donne che appartengono al mondo dello sport (atlete, quadri, impiegate, allenatrici e tecniche) possano confrontarsi e scambiare idee, usare poi gli strumenti legislativi a disposizione per chiedere alle prossime elezioni nel mondo dello sport italiano, Settembre 2020-Febbraio 2021, l'alternanza donna uomo, cioè se il candidato alla Presidenza è un uomo la candidata alla Segreteria Generale è donna e viceversa. Una sorta di alternanza come esiste nelle liste elettorali. Borse di studio per formare le donne atlete e non, per prepararle alla dirigenza e gender equality anche nella trasmissione delle competizioni sportive, in questo momento la prevalenza della visione degli sport maschili rispetto a quella femminile è di circa l' 80%.

Si deve cambiare!! Nel prossimo articolo la proposta!!

Ultimo aggiornamento ( martedì 05 marzo 2019 )
 
< Prec.
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB