spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Novembre 2019 Dicembre 2019 Gennaio 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1
Settimana 49 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 50 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 51 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 52 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 1 30 31
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Razzismi arrow Mancu li cani!! Razzisti a Torre Maura contro i più poveri
Mancu li cani!! Razzisti a Torre Maura contro i più poveri PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
venerdì 05 aprile 2019

ImageROMA, 3 aprile 2019 - Neanche i cani! E questa affermazione è sempre seguita da un segno di croce e dal ritrarsi con una smorfia di orrore. E’ vero, neanche le bestie si comportano come i razzisti che a Torre Maura, borgata periferica di Roma hanno avuto il coraggio di calpestare il pane destinato a 33 bambini di etnia Rom e a 20 donne che aspettavano di ricevere la cena da parte delle assistenti del Comune di Roma.

Perché erano li? Perché erano senza un tetto e senza colpa alcuna. Erano appena stati “trasportati li” dal Comune di Roma perché le poche misere cose che avevano erano andate distrutte nello sgombero “legalitario” dei campi voluto dal nostro muscolare Ministro dell’interno. Quello andato a Verona a difendere la famiglia e i bambini. Solo se sono biondi e con gli occhi azzurri? Gli altri non hanno più diritti? E averli sradicati dal territorio e dalla scuola che frequentavano servirà ad accusare le famiglie di “non mandarili a scuola ma a mendicare?” Dovrebbero "morire di fame" si è urlato.

Tutto ciò avviene perché questo orrido governo dell’inciviltà, dell’odio gridato contro i più poveri, della rabbia alimentata per coprire l’inettitudine di chi non è in grado di risolvere nessun problema, sta facendo leva sugli istinti più bassi degli esseri umani e solleticando il risveglio della bestia fascista. Togliere un riparo, anche misero, una roulotte, un letto, una cucina, sbattere i poveri e i rom al freddo e per le strade, rende le città più “sicure”?

Se sono nomadi “devono nomadare” dice l’ineffabile Santanchè che “non è razzista” e nessuno che le dica Taci!

All'accusa ai genitori “di non mandare scuola i figli” le si dovrebbe rispondere: anche la scuola deve nomadare? Nessuno che le rivolga la domanda giusta.

Infine assistiamo alla trasformazione oscena in spettacolo da parte di alcuni media, dell’odio e del razzismo, alimentato, senza alcuna indignazione, senza contraddittorio competente, senza obiezioni di coscienza e senza umana condivisione. Dove si porge ai cosiddetti ospiti un microfono aperto per la colta, dilettosa e ingiuriosa analisi sociologica da salotto che sa solo parlare delle “purtroppo penose ricadute della globalizzazione" e delle ”colpe delle passate amministrazioni”.

Ultimo aggiornamento ( giovedì 11 aprile 2019 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB