spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Settembre 2019 Ottobre 2019 Novembre 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 40 1 2 3 4 5 6
Settimana 41 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 42 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 43 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 44 28 29 30 31
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Lavoro&pari opportunità arrow Pari Opportunità arrow Maternità: in Italia è questione di equilibrismi
Maternità: in Italia è questione di equilibrismi PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
martedì 07 maggio 2019

ImageLe donne arrivano alla maternità sempre più tardi in questa Italia dove imperversano associazioni prolife, oltre l’80% dei medici ginecologi di TUTTE le strutture pubbliche sono obiettori e lo stereotipo della famiglia tradizionale è al centro delle battaglie ideologiche di ministri e persone al governo. Al di là della propaganda populista infatti, mancano lavoro e servizi di sostegno alla conciliazione famiglia-lavoro e le mamme «lamentano poco sostegno e una scarsa rete di servizi per la prima infanzia». Da quest’anno poi il bonus babysitter introdotto dai precedenti governi non c’è più perché il governo M5s-Lega ha deciso di non prorogarlo. Come sottolinea il Rapporto 2018 di SaveTheChildren “Le equilibriste – La maternità in Italia” rilanciato in vista della festa della mamma, molte donne pur di continuare ad avere un’occupazione sono costrette a scegliere il lavoro part-time e il 43,2% delle donne tra i 25 e i 49 anni con figli minorenni non lavora: da noi il tasso di disoccupazione femminile, in particolare delle madri, è tra i più alti d'Europa. Anche per il “forte squilibrio nei carichi familiari tra madri e padri” e la “scarsissima offerta di servizi educativi per l’infanzia. Un quadro critico che si riverbera sul benessere delle madri, ma che affonda le radici nelle pesanti disparità di genere in Italia”.

Sono sempre valide allora le considerazioni del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, espresse alla presentazione del Rapporto Italia 2018: «È caduta la cultura della programmazione. Le grandi questioni che attraversano la vita del Paese sono affrontate con la superficialità e con l’improvvisazione dettate dai tempi della comunicazione. Ogni argomento, anche se di grande rilevanza, viene affidato ad uno spot, uno slogan, un tweet. Il dibattito pubblico risulta immiserito a causa del declino della cultura dell’ascolto, del rispetto dell’altro da sé e dalla mancanza di una idea di comunità e di un senso stesso dello Stato

Dice Antonella Inverno, responsabile Policy e Law Programmi Italia-Europa di Save the Children: «è necessario che l’impegno nella tutela della maternità, così come dell’infanzia, sia riconosciuto come un investimento per il futuro del Paese. Occorre una presa di coscienza delle istituzioni tutte, affinché si scardini questo circolo vizioso e la maternità possa essere per tutte le mamme e i loro bambini un momento di gioia e di serenità, senza il pesante aggravio di ostacoli di carattere economico e sociale».

Ultimo aggiornamento ( martedì 07 maggio 2019 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB