spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2020 Agosto 2020 Settembre 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2
Settimana 32 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 33 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 34 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 35 24 25 26 27 28 29 30
Settimana 36 31
 

 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home
Toponomastica a Bruxelles PDF Stampa E-mail
Scritto da marisa giuliani   
giovedì 09 maggio 2019

ImageBruxelles, Parità di Genere: Aumentare i nomi di donne nello spazio pubblico

Anche il Belgio aggiornerà la toponomastica delle sue citta: ad inizio aprile il Parlamento della Regione di Bruxelles-Capitale ha approvato una proposta di risoluzione -di cui si attende a breve la ratifica finale- relativa all’attribuzione di nomi di donne nello spazio pubblico, non solo a strade, ma anche a edifici pubblici, parchi, musei, anfiteatri di Università, fermate di tram, bus, metro, monumenti, stazioni ferroviarie, etc.

Nella capitale del Belgio e dell’Europa comunitaria solamente il 3,8% delle strade portano nomi di donne, contro il 25,6% di uomini.

Uno studio di ‘Brussels Studies’ ha evidenziato che chiamare delle strade (o altri luoghi) con nomi di donne migliora direttamente il posto che le medesime occupano nello spazio pubblico e nella società.

Così negli ultimi 4 anni sotto la spinta di collettivi, gruppi, associazioni femminili e femministe, il dibattito sul riconoscimento e la visibilità delle donne nella città è diventato una priorità e la realizzazione di questo obbiettivo un atto politico. Vari interventi sono stati effettuati nell’ambito dell’8 marzo e dintorni: azioni di denuncia nella metropolitana sul fatto che solo 4 stazioni portino nomi di donne. Oppure, ribattezzati spazi dell’Università con nomi di scientifiche e ricercatrici. Ed ancora, cambiate di notte in un quartiere di Bruxelles le targhe di molte strade e messi al posto dei personaggi maschili nomi al femminile con equivalenti specificità. Il testo belga si iscrive nella dinamica di altre grandi città europee in Francia, in Svizzera, etc. decise a correggere il tiro valorizzando le donne, a leggere e rappresentare la Storia e chi la fa nel modo più giusto possibile.

Marisa Giuliani (Bruxelles, 8 maggio 2019)

 

Ultimo aggiornamento ( venerdì 10 maggio 2019 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB