spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Settembre 2019 Ottobre 2019 Novembre 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 40 1 2 3 4 5 6
Settimana 41 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 42 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 43 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 44 28 29 30 31
 


AFFI


tel_antidiscriminazioni_razziali
tel_antitratta
tel_antiviolenza_donna
video testimonianza Bignardi

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home
Venezia 76: il docufilm 'Woman' incanta PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
lunedì 02 settembre 2019

ImageWOMAN a Venezia 76 - Presentato fuori concorso alla 76^ Mostra del Cinema di Venezia il docufilm Woman, progetto internazionale che dà voce a duemila donne di cinquanta paesi. Definito da una delle stesse intervistate "difficile ma necessario" il film regala un ritratto intimo “di coloro che costituiscono metà dell’umanità” in un racconto che “getta luce sulle ingiustizie subite dalle donne in tutto il mondo. Lo scopo principale del film però è mostrare la forza interiore e la capacità delle donne di cambiare il mondo malgrado le innumerevoli difficoltà che devono affrontare”. L'universo femminile è qui raccontato attraverso temi quali l'istruzione, la violenza, l’amore, l’emancipazione, l’indipendenza economica, la sessualità, il rapporto che le donne hanno con il proprio corpo e col tempo che passa. E molto, molto altro.

Dice del proprio film la regista Anastasia Mikova: «le donne avevano bisogno di raccontare tutte quelle cose che non avevano mai detto prima, sentivano la necessità di essere ascoltate e si sono sentite libere di farlo senza essere giudicate. Sono state loro a guidarci nell’essenziale […] speriamo questo sia un film capace di dialogare con gli uomini affinché possano capire cosa significhi essere donne nel mondo di oggi. E c’è molto da capire!». Aggiunge il co-regista Yann Arthus-Bertrand: «questo è un film che mi ha fatto cambiare idea su mia madre, mia moglie e su mia sorella. Si dovrebbe lanciarlo in visione gratuita per gli uomini. Vogliamo farlo vedere quanto più possibile, ed i ricavi andranno a sostenere donne che vogliono lavorare nel cinema o diventare giornaliste». Guarda il VIDEO DI PRESENTAZIONE

Ultimo aggiornamento ( lunedì 02 settembre 2019 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB