spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2019 Novembre 2019 Dicembre 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3
Settimana 45 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 46 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 47 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 48 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow FOOD & WINE arrow Mercati arrow Dazi USA: colpite le eccellenze dell'enogastronomia italiana
Dazi USA: colpite le eccellenze dell'enogastronomia italiana PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
venerdì 04 ottobre 2019

ImageDAZI USA - Imposti per il via libera del Wto, i dazi Usa contro l'Unione Europea sulle importazioni, arrivano in conseguenza della disputa in atto nel settore aereonautico tra l’americana Boeing e l’europea Airbus. Ma in gioco ci sono i settori di punta dell’agroalimentare italiano in Usa. Applicati a partire da metà ottobre, colpiranno principalmente i prodotti dell'enogastronomia per i quali si prospettano aumenti anche fino al 100%.

Nel 2018 (dati Istat) il made in Italy ha esportato negli Usa per 42,5 miliardi di euro. Il comparto agroalimentare, segnala il Sole24Ore «è il terzo nella graduatoria delle esportazioni Italiane negli Stati Uniti». Salvi per ora vini, prosecco prosciutti DOP e l'olio extravergine d’oliva 100% italiano per i quali si era temuto il raddoppio dei prezzi, ma restano nel mirino i formaggi. A simili aumenti, secondo il Consorzio del Parmigiano Reggiano «corrisponderà inevitabilmente un crollo dei consumi stimato nell’80-90% del totale». «Il fatto che sia compreso il vino francese ma non quello italiano -nota il presidente Coldiretti, Ettore Prandini- come il fatto che sia presente l'olio spagnolo ma non quello made in Italy fa tirare a noi italiani un sospiro di sollievo ma lascia immaginare un tentativo di dividere l'Unione europeaCecilia Malmstroem Commissaria Ue al commercio commenta (ANSA): "scegliere di applicare le contromisure adesso sarebbe miope e controproducente Restiamo pronti a trovare una soluzione equa, ma se gli Usa decidono di imporre le contromisure autorizzate dal Wto, la Ue non potrà che fare la stessa cosa".

Ultimo aggiornamento ( venerdì 04 ottobre 2019 )
 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB