spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Gennaio 2020 Febbraio 2020 Marzo 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 5 1 2
Settimana 6 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 7 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 8 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 9 24 25 26 27 28 29
 

 


AFFI


 
tel_antiviolenza_donna
video testimonianza Bignardi

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home
EGITTO: arresti di massa per giornalisti, attivisti ed esponenti invisi al regime PDF Stampa E-mail
Scritto da MONITOR   
sabato 09 novembre 2019

ImageEGITTO - Dopo le manifestazioni di piazza del 20 settembre si sono moltiplicati in Egitto gli arresti di massa, ed il paese vive sotto censura e coprifuoco. “La repressione ormai scandisce le giornate egiziane: si contano più di 5.000 arrestati arbitrari in tutto il paese: avvocati per i diritti umani, giornalisti, attivisti ed esponenti politici invisi al regime di al-Sisi. Lo denunciano ad un incontro organizzato il 6 novembre da Arci Nazionale, Ahmed Mefreh, direttore esecutivo del Comitee for Justice, Muhammad Al Kashef, avvocato dei diritti umani e ricercatore indipendente e Leslie Piquemal, rappresentante a Bruxelles per il Cairo Institute for Human Rights Studies, componenti di una delegazione della società civile egiziana. "Sedici avvocati arrestati in due giorni, tremila fino ad oggi. Si tratta in particolare di avvocati per i diritti umani e questo è un messaggio, un messaggio del governo per la società civile." Sottolinea Ahmed Mefreh. Tra questi; Mahienour al-Masry, avvocata, sequestrata davanti la procura dei servizi, Alaa Abdel Fattah blogger, attivista, volto noto della rivoluzione di piazza Tahrir del 2011; insieme a lui il suo avvocato Mohamed Baker e ancora Esraa Abdel Fattah, giornalista, arrestata il 12 ottobre. Non a caso Amnesty International denuncia "la più ampia ondata di arresti di massa dall’arrivo al potere del presidente Al-Sisi” condotta passando anche al setaccio i profili social per scatenare la caccia al dissidente e senza risparmiare né minorenni né cittadini stranieri.

Approfondimenti: Redattore Sociale Articolo di Chiara Ercolani - Amnesty International Articolo 3 Ottobre 2019

Ultimo aggiornamento ( venerdì 08 novembre 2019 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB