spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Gennaio 2020 Febbraio 2020 Marzo 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 5 1 2
Settimana 6 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 7 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 8 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 9 24 25 26 27 28 29
 

 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow FOOD & WINE arrow EnoTurismo & EnoGastronomia arrow Natale e Capodanno 2019: Spumante a gogo!
Natale e Capodanno 2019: Spumante a gogo! PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
giovedì 19 dicembre 2019

ImageTAVOLA DELLE FESTE - Fondazione Italiana Sommelier (Paolo Lauciani) e Le Donne del Vino (Donatella Cinelli Colombini) a TG2 Italia hanno parlato dei vini delle feste. Dagli spumanti ai vini dolci, dove c’è imbarazzo della scelta bisogna saper scegliere e saper abbinare correttamente ai cibi che si va a proporre. Servire vini diversi nel corso di una stessa cena è possibile a condizione di equilibrare correttamente scelte e successioni. Col brodo del 25 dicembre il lambrusco sposa perfettamente. Coi dolci non vanno i vini secchi (NO, il prosecco proprio NO!) ma vini dolci, come moscati e passiti nella produzione dei quali l’Italia è la “prima potenza mondiale” ricorda Lauciani. Una regola da tener sempre presente, qualunque siano le nostre scelte, è bere con moderazione.

Lo spumante italiano nell'ultimo anno ha conquistato le tavole di tutto il mondo. Secondo Coldiretti Natale e Capodanno 2019 saranno gli artefici del “record storico di brindisi con spumanti Made in Italy”. Mai come quest’anno si era vista così tanta richiesta (+9% in totale nel mondo), così le bollicine italiane superano le vendite dello champagne. “I vini italiani hanno un ottimo rapporto qualità prezzo” afferma Lauciani. Nella classifica delle preferite, secondo Coldiretti: Prosecco, Asti e Franciacorta. Tra i principali estimatori ed importatori: Giappone (+37%), Francia (+30%) e Russia(+17%). Un successo sul quale pesano le ombre della crescita delle imitazioni che richiamano “palesemente al nostro prosecco” inducendo in inganno, conclude Coldiretti.

Ultimo aggiornamento ( giovedì 19 dicembre 2019 )
 
< Prec.
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB