spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 12 arrow Violenza di genere: la “due giorni” della Capitale
Violenza di genere: la “due giorni” della Capitale PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
venerd́ 18 maggio 2007

ROMA - L’osservatorio di Solidea ha organizzato un Convegno internazionale sulla violenza contro le donne dal titolo “I Generi della Violenza - Geografie, modelli, politiche”. In svolgimento giovedì 17 e venerdì 18 maggio 2007 presso il Centro Congressi Frentani, pone,  al centro della due giornate, il confronto intorno alle politiche di genere contro la violenza in Italia ed il caso della Spagna, insieme alla creazione dell’Osservatorio nazionale contro la violenza alle donne e dei tribunali di genere.

Delle politiche di genere contro la violenza in Italia ha parlato Maria Grazia Passuello in apertura del convegno organizzato da Solidea, l’Istituzione di genere e solidarietà creata dalla Provincia di Roma e da lei presieduta. Una relazione che ha evidenziato il molto che resta da fare nel nostro paese, e, al tempo stesso la volontà determinata di colmare la distanza che ci separa dai paesi europei.

La ministra Barbara Pollastrini ha sottolineato come il suo ministero- dei diritti e delle pari opportunità- abbia faticato ad ottenere da “ministeri potenti” una parte di quelle deleghe che consentiranno di far valere azioni ad ampio raggio contro la violenza e contro la tratta degli esseri umani, ed ha citato la distanza che ancora separa l’Italia dalla possibilità di mettere in atto più azioni politiche contro la violenza, distanza racchiusa in due cifre: 3 milioni di euro a disposizione del Ministero in Italia, 276 milioni di euro a disposizione del ministero in Spagna

Per la Spagna, Inmaculada Montalban, magistrata, componente dell’Osservatorio Giuridico contro la violenza domestica e di genere, ha ricordato il percorso legislativo che ha portato all’istituzione dei tribunali contro la violenza, chiamati a decidere subito, entro 72 ore, prima che la violenza si trasformi in omicidio della donna, come purtroppo avviene in tre casi su 10.

La presidente della Federazione spagnola delle associazioni di donne separate e divorziate, Ana Maria Perez Del Campo Noriega, femminista appassionata, membro dell’Osservatorio nazionale, ha ricordato come la rivoluzione incruenta del femminismo sia stata capace, laddove si è fatta , di ottenere una parte di giustizia per le donne e come il sistema patrialcale sia all’origine e costituisca ancor oggi il “feudo della disuguaglianza”. Ha citato il premier Zapatero, che a più riprese si è dichiarato “femminista” e che lo è stato, non soltanto a parole ma negli atti concreti. La Ley Organica del 28/12/2004 di protezione integrale contro la violenza di genere promulgata dal governo socialista, si propone come fine l’eradicazione della violenza di genere, dando finalmente una risposta globale alla violenza sistematica contro le donne. La legge da attuazione alle richieste delle associazioni di donne rispondendo correttamente alle sollecitazioni dei vari organismi internazionali dalle Nazioni Unite alle raccomandazioni dell’UE. La violenza domestica in Spagna è costata la vita a 3250 donne negli ultimi 50 anni, ed ha lasciato invalidità permanenti a molte altre. Non esistono leggi perfette, dice Ana Maria, ma le reazioni violente che si sono levate contro questa legge fin dal primo momento mostrano che si tratta della reazione interessata di quanti intendono mantenere i propri privilegi in spregio della ragione e della giustizia.

Elizabeth Kelly, della London Metropolitan University , ha infine tracciato il quadro delle politiche di contrasto alla violenza di genere nel Regno Unito.

Per informazioni
Solidea, Istituzione di genere femminile e solidarietà
00184 Roma - Via Cavour, 266
tel: 06 48.880.463 - 06 48.880.468
fax: 06 48.880.451
e-mail:
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
web: www.solideadonne.it
Ultimo aggiornamento ( venerd́ 18 maggio 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB