spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 12 arrow La donna che lavora mette su famiglia
La donna che lavora mette su famiglia PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
martedý 15 maggio 2007

ImageLe donne italiane aspirano a più lavoro e  figli. Lo rileva una ricerca dell'’Università Cattolica di Milano sull’occupazione femminile, presentata lo scorso 11 maggio. Risulta anche qui, come il nostro Paese sia tra gli ultimi in Europa per tassi di fecondità e occupazione. Le italiane che lavorano e sono più istruite sono poi quelle che fanno più figli. I dati del seminario "Più occupazione femminile e più figli. È rosa il futuro dell’Italia?" evidenziano come la soluzione delll’equazione per la natalità si risolva nella certezza del lavoro, che porta stabilità, che favorisce la formazione della famiglia, che porta a fare figli

Secondo Alessandro Rosina -dipartimento Scienze statistiche - l'Italia si configura come nazione “a persistente bassa fecondità” presentandosi allo stesso tempo con problematiche di “carenza di figli e di scarsa partecipazione femminile al mercato del lavoro”.


Varie indagini concordano nell'evidenziare come la maggioranza delle donne desideri due figli ed un'occupazione. Se questo fosse possibile, avremmo livelli di fecondità e occupazione femminile nella media degli altri Paesi sviluppati. Quando “ciò non accade -sottolinea Rosina - ad essere penalizzate non sono solo le donne ma il sistema Paese nel suo complesso”. Emerge poi dalla ricerca come "le regioni dove il tasso di attività femminile è sopra la media nazionale” siano quelle nelle quali “la fecondità negli ultimi dieci anni è aumentata, viceversa le regioni ove il tasso di attività è inferiore alla media nazionale la fecondità negli ultimi dieci anni è diminuita”.


In un’Italia di recente impegnata nella “difesa” della famiglia tradizionale, il dato dello studio della Cattolica dovrebbe far riflettere (1) a livello istituzionale visto che l’equazione per la natalità sembra passare dal lavoro, che porta la sicurezza e stabilità che favoriscono la formazione della famiglia e, di conseguenza la scelta di avere più figli; (2) a livello imprenditoriale, visto che per arginare gli effetti negativi di denatalità ed invecchiamento della popolazione che influiscono su welfare ed economia, pare proprio che l'Itala avrà bisogno di puntare su quella “risorsa finora poco utilizzata e valorizzata, ovvero l'occupazione femminile”.

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 16 maggio 2007 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB