spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Lavoro&pari opportunità arrow Pari Opportunità arrow Donne e disabilità: il “genere” raddoppia la differenza
Donne e disabilità: il “genere” raddoppia la differenza PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
martedì 15 maggio 2007

ImageLe donne con disabilità ed i loro problemi il 16 maggio al centro di un convegno a Milano, organizzato dalla Provincia. Presso la Sala Affreschi di Palazzo Isimbardi -Via Vivaio 1- (dalle 16:00) l'incontro offrirà la possibilità di un confronto che si spinga oltre le solite tematiche: a fianco di  argomenti come diritti e lavoro,  si parlerà dunque di sentimenti e di paure, ma anche  di “femminilità e di cura della propria immagine”.

"Le persone con disabilità vengono considerate persone senza sesso, per questo è importante la questione del genere -dice Luisella Bosisio Fazzi, presidente del Comitato nazionale Disabilità e membro del Disabled People International-. In un mondo costruito per uomini e gestito da uomini, avere una disabilità ed essere anche donne è una doppia discriminazione. Anche le donne con disabilità sono donne ma hanno delle differenze che devono essere considerate, invece quando si parla di persone disabili non si fa questa distinzione, comunque necessaria. C'è una certa invisibilità e la riflessione che facciamo all'interno del movimento femminile sulla doppia discriminazione non è ancora stata recepita. Se andiamo a vedere l'ultimo report per il monitoraggio della Convenzione per l'eliminazione delle discriminazioni contro le donne (Cedaw, ndr), realizzato nel 2004 dal ministero delle Pari opportunità, non si è mai parlato di donne con disabilità che, insieme ai bambini con disabilità, sono considerate dei 'sottogruppi' degli adulti con disabilità, quindi invisibili".


Non solo: "Per quanto riguarda i temi del lavoro, in Italia non esistono dati aggregati e non si fa differenza tra uomini e donne - prosegue Bosisio Fazzi-, allo stesso modo in tema di minori non si parla mai di donne e questo contribuisce a creare una cultura dell'invisibilità. Ci sono anche famiglie che investono di più su un maschio con disabilità che non su una femmina: non esistono dati sui laureati, ma credo che se ce ne fossero troveremmo delle sorprese".

(Fonte: Redattore Sociale)

Ultimo aggiornamento ( martedì 15 maggio 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB