spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Altri argomenti arrow Articoli arrow 17 maggio - Seconda Giornata Mondiale contro l’Omofobia
17 maggio - Seconda Giornata Mondiale contro l’Omofobia PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
mercoledì 16 maggio 2007

“Alla vigilia della II Giornata Mondiale contro l’Omofobia, che si festeggia il 17 maggio, siamo costretti ad esprimere, ancora una volta, solidarietà per un caso di aggressione ai danni di una persona in quanto omosessuale”. Commenta così Donatella Linguiti   -Sottosegretaria di Stato ai Diritti e Pari opportunità- l’aggressione, del 15 maggio ai danni del presidente del comitato provinciale milanese di Arcigay  Paolo Ferigo, e denunciata in una nota dalla stessa associazione.


“Ferico  ha ragione nel sostenere che l'omofobia è un fenomeno ben presente nelle nostre città -continua Linguiti– ma questo clima si nutre della campagna ossessiva di delegittimazione dei diritti del popolo g/l/b/t  (gay/lesbiche/bisessuali/trans) che si sta portando avanti  da più parti e, più complessivamente, dell’attacco alla laicità delle nostre istituzioni”.


La Giornata nasce con l’intento di essere adottata nel calendario nazionale del maggior numero di paesi e infine a livello internazionale: “Giornate come quella di domani sono importanti perché combattere le singole discriminazioni significa, prima di tutto, nominare e dare visibilità ad un sommerso altrimenti difficile da individuare. L’omofobia va destrutturata nelle sue pieghe sociali e depotenziata attivamente  in tutti quei luoghi, come la scuola o i mass media, che influenzano più massicciamente i giovani.


L’omofobia assume forme diverse a seconda del contesto socio-culturale  in cui si esprime, ma la risposta deve essere sempre una –conclude la Sottosegretaria- rispettare il diritto di ognuno e ognuna di esistere  qualunque sia il sesso, l’identità o l’orientamento sessuale”.

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB