spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Speciale 25 Novembre arrow I DIVERSI MODI DI “FARE” VIOLENZA
I DIVERSI MODI DI “FARE” VIOLENZA PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
mercoledì 15 novembre 2006

La strategia della paura, più che i maltrattamenti fisici, tiene la vittima di violenza in uno stato di timore costante: la violenza può esplodere in qualsiasi momento. Il partner violento agisce in modo tale da creare un clima di tensione e di isolamento che si manifesta con una azioni di vero e proprio controllo sulla compagna, e spesso anche sui figli.

– a cura di Eva Panitteri



La violenza fisica


E’ una forma di intimidazione che esercita una violenza fisica su un’altra persona. Include anche comportamenti apparentemente innocui come spintonare, costringere nei movimenti, sovrastare fisicamente, e comportamenti più riconoscibilmente violenti come percuotere, rompere/lanciare oggetti, sputare contro, dare pizzicotti, mordere, prendere a pugni, a calci, a schiaffi. Sino alle bruciature con le con le sigarette, la privazione delle cure mediche o del sonno. Culmina con il ferire gravemente, torturare, uccidere.

Il comportamento persecutorio

ovvero lo “stalking”


La persecuzione è la strategia messa in atto quando la donna cerca di allontanarsi da una relazione violenta. In questi casi l’ex-partner segue la donna negli spostamenti, aspettandola sotto casa o dove lavora, a volte facendo deliberate incursioni sul posto di lavoro per spaventare colleghi e datori di lavoro, al fine di provocarne il licenziamento. Compare inaspettatamente nei luoghi solitamente frequentati dalla donna, per farla sentire controllata, e sempre in pericolo. Minaccia di farle del male. La persecuzione include continue molestie telefoniche o a mezzo posta elettronica, lettere e biglietti. E’ un comportamento che tende a minare il senso per farla sentire“in trappola”.

La violenza psicologica

La violenza psicologica accompagna sempre la violenza fisica e la prepara. Il messaggio che passa attraverso il maltrattamento psicologico è che chi ne è oggetto sia una persona priva di alcun valore.Si manifesta con insulti, minacce ed umiliazioni di vario genere e configura attacchi all’identità della persona per minarne autostima e il libero arbitrio. Include tentativi di isolamento dalla famiglia, dai colleghi, dagli amici. Intende impedire o controllare le relazioni con gli altri. Include anche la minaccia di cacciar via di casa, o quella di impedire di uscire.


Il maltrattamento economico

E’ maltrattamento economico ogni forma di privazione o controllo che limiti l’accesso all’indipendenza economica di una persona. Vi sono inclusi comportamenti quali: sottrarre alla donna il suo stipendio, impedirle qualsiasi decisione in merito alla gestione dell'economia familiare, obbligarla a lasciare il lavoro o impedirle di trovarsene uno, costringerla a firmare documenti, a contrarre debiti. Ma anche rifiutare di pagare l’ assegno di mantenimento o costringere la donna ad umilianti trattative per averlo.


La violenza sessuale

E’ violenza sessuale ogni imposizione di pratiche o rapporti sessuali non desiderati, lo stupro, l’incesto il costringere a comportamenti sessuali umilianti o dolorosi, l’imporre gravidanze, o il costringere a prostituirsi. La violenza sessuale nei confronti delle donne, contrariamente ai luoghi comuni, viene agita nel 80% dei casi da

parte di una persona conosciuta: marito, ex-marito, fidanzato, ex-fidanzato, partner, amico, conoscente, collega, datore di lavoro.

E’ violenza anche la molestia a sfondo sessuale come, il fare battute e mettere in atto prese in giro con tale connotazione, fare telefonate oscene, obbligare a vedere foto o materiale pornografico.




(© Copyright P&G - 15 novembre 2006 )
Ultimo aggiornamento ( giovedì 30 novembre 2006 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB