spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Dicembre 2017 Gennaio 2018 Febbraio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 2 1 2 3 4 5 6 7
Settimana 3 8 9 10 11 12 13 14
Settimana 4 15 16 17 18 19 20 21
Settimana 5 22 23 24 25 26 27 28
Settimana 6 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Violenza di genere arrow Dati arrow Violenza domestica: a rischio 1 milione di bambini italiani
Violenza domestica: a rischio 1 milione di bambini italiani PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
mercoledì 30 maggio 2007

ImageROMA- Potrebbero essere quasi un milione i minori italiani segnati dalla violenza assorbita per aver “assistito” al maltrattamento o all'abuso di un fratello o della propria madre, mentre sono circa 2 milioni i minori poveri. Il Terzo Rapporto su "I diritti dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia", un monitoraggio realizzato da varie associazioni sull'attuazione della Convenzione Onu sui diritti del Fanciullo e coordinato da Save the children, solleva il velo su questa forma di violenza domestica finora lasciata indietro dall’attenzione di media e istituzioni. Focus anche sulle “gravi carenze nella protezione di minori che prendono parte a processi”

 

Il Terzo Rapporto è una indagine alternativa e parallela a quella che il governo sta preparando per il 2008 quando dovrà essere consegnato il Rapporto ufficiale sull’infazia nell’ambito delle iniziative mondiali delle Nazioni Unite. Nel Terzo rapporto delle associazioni che si occupano di infanzia in Italia l’attenzione viene focalizzata anche sulle "disomogeneità, approssimazioni e a volte gravi carenze nell'applicazione delle misure di protezione previste per i minori che prendono parte a un processo".

 

Secondo il rapporto "le lacune, le inadempienze e mancanze nella tutela dei minori in Italia sono ancora molte, a partire da una documentata conoscenza dei problemi che affliggono milioni di bambini". Le associazioni che fanno capo al Gruppo di lavoro sulla Convenzione che ha preparato anche questo Terzo Rapporto, propongono tutta una serie di raccomandazioni alla politica. La prima richiesta è rivolta direttamente al governo e si basa sull'introduzione di un sistema di monitoraggio sui finanziamenti a favore dell’infanzia. Si chiede anche la riattivazione dell'Osservatorio nazionale per l'infanzia e l'adolescenza, l'istituzione del Garante nazionale, cosa che il presidente della Commissione, Anna Maria Serafini, ha subito raccolto e rilanciato. L’istituzione del Garante, ha detto Serafini, è imminente. (Fonte:RedattoreSociale)

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB