spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 14 arrow Vite umane e regole del mare: richiamo dell'Unhcr
Vite umane e regole del mare: richiamo dell'Unhcr PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
venerd́ 01 giugno 2007

Imagel'Unhcr l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, pur consapevole delle difficoltà dei paesi mediterranei nel far fronte ai ripetuti arrivi di gruppi di migranti, richiedenti asilo e rifugiati, sottolinea come “il principio dell'assistenza alle persone in pericolo in mare dovrebbe sempre essere prioritario”. A seguito dei casi delle “imbarcazioni precarie o alla deriva con a bordo un numero elevato di persone che tentavano di raggiungere l'Europa ignorate o lasciate in balia delle onde” ribadisce l'obbligo di salvare vite in mare e chiede ai governi “di rafforzare il coordinamento e la cooperazione nelle operazioni di soccorso per far sì che simili episodi non si ripetano”. (fonte:redattoresociale)

27 africani rimasti aggrappati per tre giorni ad una gabbia per tonni trainata da un rimorchiatore maltese; 52 persone tratte in salvo il 25 maggio, dalla Guardia Costiera italiana (avvistate in precedenza da un velivolo maltese che non aveva lanciato l'allarme); 53 persone, la maggior parte di origine eritrea, risultano disperse da più di una settimana nelle acque tra Malta e la Libia, nonostante gli sforzi di ricerca della Marina Militare e della Guardia Costiera italiane...

L'Unhcr chiede in particolare al governo maltese “di ratificare i recenti emendamenti alle convenzioni marittime - la Convenzione sulla ricerca e soccorso in mare del 1979 (SAR) e la Convenzione internazionale per la sicurezza della vita in mare del 1974 (SOLAS) - che mirano ad affiancare l'obbligo per gli stati di cooperare nelle operazioni di ricerca a quello dei capitani delle imbarcazioni di fornire assistenza in mare. Malta è uno dei pochi paesi a non aver sottoscritto questi emendamenti”.

Alla luce di tali gravi episodi, l'Unhcr esorta la Commissione europea ad intraprendere ulteriori azioni per riaffermare e delineare la responsabilità degli stati membri di salvare vite in mare e permettere lo sbarco di chi viene soccorso.

 

Ultimo aggiornamento ( domenica 03 giugno 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB