spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 14 arrow Censura : Iran
Censura : Iran PDF Stampa E-mail
Scritto da I.Giacobbe   
luned́ 30 aprile 2007

Shahla Lahidji iraniana, fondatrice più di vent'anni fa della casa editrice ImageRoshangaran, è una donna forte e determinata. Premiata dal Pen Club e vincitrice del premio Freedom To Publish 2006 dell'Unione Europea, nota per la sua battaglia in difesa dei diritti delle donne, ha pagato la sua voglia di libertà e di pensiero con diversi periodi di carcere. Ha iniziato tardi la sua attività, a 42 anni « in un Paese dove c'era stata una rivoluzione religiosa che tra le sue prime iniziative aveva messo in atto limitazioni sociali, politiche e di carriera per le donne».

Per aver preso la decisione di pubblicare saggi e romanzi di autori iraniani invisi al potere, racconta “ho pagato un prezzo alto, sono stata mandata in prigione, punita, il mio ufficio è stato chiuso”. in Iran più della metà degli editori è costituito da case editrici governative o affiliate a organi governativi, che ricevono abbondanti sussidi. La crisi dell'editoria colpisce solo il settore privato, che non riceve alcun aiuto e sconta il fatto che in Iran i lettori sono pochi e anche quei pochi vengono scoraggiati dalla pesante censura governativa. Una censura «sempre più soffocante» da quando sono al potere gli integralisti in un Paese dove neanche le persone istruite leggono. «Secondo le statistiche gli iraniani dedicano solo cinque minuti all'anno alla lettura - racconta Shahla Lahidji - e un altro problema sono le librerie; ce ne sono soltanto 1500, per cui ci sono città dove non ne esiste nemmeno una. Inoltre dei libri che ottengono il permesso di pubblicazione sono assai pochi quelli ammessi a comparire nelle biblioteche pubbliche».. D’altra parte chi può aver voglia di leggere se non si può neppure parlare? Se non si può scrivere ciò che si pensa, se non si può pubblicare quanto si è scritto?

Ultimo aggiornamento ( domenica 03 giugno 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB