spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 15 arrow La senatrice Clinton batte Obama 2 a 1
La senatrice Clinton batte Obama 2 a 1 PDF Stampa E-mail
Scritto da I.Giacobbe   
lunedý 30 aprile 2007

ImageNella corsa alle elezioni presidenziali del 2008 la senatrice Hillary Rodham Clinton batte Barach Obama con un margine di 2 a 1 nella preferenza delle donne elettrici. E’ quanto emerge dall’ultino sondaggio effettuato dal Washington Post e da ABC News.

Il 51 per cento delle donne intervistate hanno dichiarato la loro preferenza per la Clinton; soltanto il 24% per Obama e l’11 per cento per il senatore John Edwards. Hillary Clinton sta ottenendo un grande successo soprattutto presso la fascia di elettorato femminile a basso reddito e con un livello di istruzione medio basso.

Gli strateghi che curano la sua campagna elettorale definiscono queste elettrici “votanti che hanno bisogno”. Viceversa Obama ottiene maggior gradimento tra le elettrici con un alto livello di istruzione che si dicono interessate a innalzare il livello del dibattito politico. Gli strateghi di Obama ritengono però che egli possa guadagnar voti da tutte le categorie di elettrici una volta che il suo programma venga meglio compreso.

Per il momento però le donne sembrano poter giocare un ruolo determinante nell’indirizzare la campagna elettorale. In realtà le donne rappresentano tra il 54 e il 59 per cento dell’elettorato del partito democratico e sono la maggioranza dei votanti non solo nei due stati che danno l’avvio alla campagna elettorale- New Hampshire e Iowa - ma nell’intero elettorato del partito democratico , e sono in maggioranza dalla parte di Hillary.

Se anche la senatrice Clinton vincesse la nomination del suo partito sarebbe comunque un ben diverso scenario quello delle elezioni presidenziali. Infatti il 43 per cento delle donne “indipendenti” affermano che non voterebbero per lei contro il 29 per cento che rifiuterebbe Obama.

Nondimeno Hillary sta cercando di allargare il gap di genere che la separa dagli altri candidati; rivolgendosi direttamente alle organizzazioni politiche femministe incluse Emily’s List e NOW la National Organisation of Women. Ellen Malcom, attuale presidente di Emyli’s List sarà parte del gruppo dirigente della sua campagna elettorale. Nel sito della sua campagna elettorale, all’interno del video “Ready for change” una schiera di donne leaders e professioniste le offre il proprio sostegno. (fonte: WashingtonPost)

 

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 13 giugno 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB