spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 15 arrow La grande evasione (fiscale)
La grande evasione (fiscale) PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
martedý 12 giugno 2007

Image 65.000 barche di lusso, a fronte di soli 15.000 ricchi italiani che dichiarano oltre 200.000€ di reddito, sono l’immagine più efficace di un’evasione fiscale che supera i 300 miliardi di euro l’anno. Ci sarebbe di che sanare il debito pubblico e star bene tutti!! Ma i numeri del Fisco ci dicono invece che in Italia soltanto lo 0,8% dei contribuenti dichiara oltre i 100.000 euro e par ancora una volta di capire che quegli italiani, ahinoi, dispongano di un reddito fisso. Finalmente anche Luca di Montezemolo ha trovato le parole per indignarsi ....

"Indignato" così si è detto Montezemolo di fronte ad una platea di duecento imprenditori – la parte più produttiva del Paese- come essi stessi si autodefiniscono, ma evidentemente anche la parte più bisognosa di aiuto, in quanto incapace di produrre reddito a vantaggio di quello stesso Paese.


Fa impressione notare che in Italia, dove si producono auto e barche di lusso tra le più belle e costose al mondo, nel paese della moda e del Made in Italy , dei grandi vini e degli straordinari paesaggi da ammirare a caro prezzo, delle piccole isole incantate meta di un turismo esclusivo e straricco, delle aziende radio televisive che fanno profitti da miliardi di euro , delle grandi fusioni bancarie, delle imprese capaci di sfidare monopoli e di fare shopping all’estero, di aziende con bilanci da capogiro, dei grandi luminari, dei grandi maghi del bisturi, dei grandi dentisti, degli studi legali miliardari e delle corporazioni dei notai e farmacisti, in questo paese di bengodi ci siano soltanto ricchi a “reddito fisso”.


Par quasi di sentire le lamentazioni di coloro che negli ultimi cinque anni avrebbero dovuto vigilare: “non c’è attenta sorveglianza che sia in grado di scoprire dove si annida questa evasione, che peraltro agli occhi di noi profani, di solito, si manifesta e circola a viso scoperto sulle auto di lusso, e acquista di tutto e di più sotto gli occhi di noi tutte­-tutti.


Sarà forse la consapevolezza della grande difficoltà ad indagare ciò che salta agli occhi che molti spiriti sensibili al cambiamento si sono ribellati quando il Ministro, che intende “guardare dentro l’evasione”, ha deciso di non distogliere più lo sguardo e di cambiare la testa della Guardia di Finanza che di questa enorme, ingombrante, evasione sembrava ignorare ogni aspetto?

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 13 giugno 2007 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB