spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Violenza di genere arrow Dati arrow Violenza sulle donne: i dati del Secondo Rapporto Urban
Violenza sulle donne: i dati del Secondo Rapporto Urban PDF Stampa E-mail
Scritto da EP & Redattore Sociale   
lunedì 11 giugno 2007

ImageROMA – “Un fenomeno pervasivo ed endemico”. Questa la realtà della violenza contro le donne in Italia, oggi, secondo il secondo rapporto Urban presentato a Roma l'11 giugno 2007 e realizzato sulla base di oltre 22mila interviste a cittadine e cittadini di 25 città italiane. Tre le soluzioni proposte dagli intervistati: più prevenzione, più controllo delle forze dell’ordine e più centri antiviolenza.

Soluzioni in qualche modo previste nella proposta di legge sulla “prevenzione della violenza in famiglia e di genere”, licenziata nel dicembre 2006 dal Consiglio dei Ministri e depositata in Parlamento. Ma il Governo, secondo il sottosegretario per i diritti e le pari opportunità Donatella Linguiti, punta ad un “piano d’azione nazionale basato su un osservatorio statistico, il potenziamento e la messa in rete dei centri antiviolenza e sulla formazione di operatori e assistenti sociali, operatori dei pronto soccorso e forze dell’ordine”, anche – sottolinea Linguiti – “prima che la legge sia approvata”.

Genova, Trieste, Carrara, Pescara, Torino, Milano, Salerno, Cosenza, Bari, Siracusa, Catanzaro, Caserta, Misterbianco, Crotone, Taranto, Mola di Bari, Cagliari, Brindisi, contribuiscono quindi a far emergere come il 12% delle donne intervistate abbia subito una violenza fisica o psicologica almeno una volta nel corso della propria vita. Ma la ricerca analizza soprattutto il contesto in cui la violenza si genera e il radicamento culturale che consente alla violenza di attecchire. Il 98% degli intervistati -inoltre- è "consapevole" del problema, e la maggior parte ne ha "sentito parlare dalla televisione".


Secondo l'Agenzia Redattore Sociale, Maura Misiti, una delle curatrici della ricerca, afferma che rispetto alla precedente rilevazione Urban, datata 1999, si consolida tra gli intervistati la consapevolezza di come “la crescente autonomia femminile e la crescente presa di coscienza dell’asimmetria dei rapporti di potere, possa comportare alterazioni nei rapporti uomo-donna, dove la violenza è un tentativo di ristabilire il potere di un’identità maschile in crisi”.


Gli stereotipi sul fenomeno della violenza contro le donne -stando ad una nota dell'agenzia-sono stati rilevati maggiormente tra le persone anziane e poco istruite, come pure una maggiore tolleranza verso le violenze. Al contrario, si dichiarano più intolleranti verso la violenza sono le donne giovani, laureate e occupate.


Stando al 50% degli intervistati -poi- servizi sociali, famiglia, polizia e volontariato dovrebbero farsi carico del problema mentre nella realtà le 1.200 donne vittime di violenza intervistate, hanno cercato sostegno attraverso i familiari e e le amicizie mentre solo nei casi più gravi si è fatto ricorso all’intervento delle forze dell’ordine.


Intanto da Bruxelles arrivano critiche per non aver incluso alcuna strategia di sicurezza nella programmazione 2007-13 del Fondo sociale europeo: “Esprimo rammarico e preoccupazione – ha detto Tiziana Esposito, della Direzione generale occupazione, affari sociali e pari opportunità della Commissione europea – vedendo che l’Italia non ha presentato strategie chiare su obiettivi chiave come le violenze di genere, ma anche la legalità, l’emersione del lavoro nero e la tratta, nonostante la nostra disponibilità”. In realtà un Piano operativo nazionale sulla sicurezza sarà finanziato dal Fondo europeo allo sviluppo regionale, un fondo che, secondo Esposito, “non può essere il centro di gravità di un’iniziativa simile”.

Ultimo aggiornamento ( lunedì 11 giugno 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB