spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Settembre 2017 Ottobre 2017 Novembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 39 1
Settimana 40 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 41 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 42 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 43 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 44 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Economia e lavoro in Italia PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
martedì 19 giugno 2007

ImageROMA - Aumentano i profitti, diminuiscono i salari. E' quanto risulta dal "Rapporto sui diritti globali 2007" nel quale si segnala come -nel 2006- a fronte degli otto maggiori istituti bancari italiani che realizzano ricavi per 63,5 miliardi di euro (+10,3% rispetto al 2005) e utili netti per 14,2 miliardi (+26,6%) con utili che crescono di tre volte rispetto ai ricavi, oltre 3 milioni di pensionati percepiscono un assegno che va dai 500 ai 1.000 euro al mese, la metà dei ricercatori scientifici guadagna tra gli 800 ed i 1.200 euro al mese e, secondo gli ultimi dati Istat, sono in condizione di povertà relativa 2.585.000 famiglie: una su dieci.

Povere in Italia 7.577.000 persone, il 13% di tutti gli italiani. Una povertà che colpisce soprattutto i giovani, fattore legato, secondo il rapporto al largo ricorso al lavoro temporaneo. Una realtà che riguarda tre milioni e mezzo di persone, tra lavoratori a tempo determinato, lavoratori interinali e partite Iva improprie.

Mentre Unicredit realizza utili netti per 5,4 miliardi, Intesa-San Paolo per 4 miliardi e Capitalia per 1,1 miliardi. Eni chiude con un utile netto di 9,2 miliardi di euro, e nonostante un debito di 37,3 miliardi, Telecom Italia ha chiuso il 2006 con un utile netto di 3 miliardi di euro.

I dati positivi delle Holding non spiegano però come il mercato del lavoro possa offrire così poco: l'Italia -sottolinea il rapporto- rimane l´unico Paese europeo insieme alla Grecia, a non avere misure a sostegno al reddito. E continua ad essere uno dei Paesi a maggiore evasione fiscale: almeno 100 i miliardi di entrate erariali perse su un reddito evaso di almeno 250 miliardi di euro ogni anno. In compenso continuano ad aumentare i benefit della politica. Solo per un esempio, la macchina del Senato nel 2007 costerà ai contribuenti 582 milioni di euro. E i costi amministrativi si aggireranno intorno ai 70 miliardi di euro.
Il 4,6% del Pil.

(fonte: Redattore Sociale)

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 20 giugno 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB