spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Economia e lavoro in Italia PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
martedì 19 giugno 2007

ImageROMA - Aumentano i profitti, diminuiscono i salari. E' quanto risulta dal "Rapporto sui diritti globali 2007" nel quale si segnala come -nel 2006- a fronte degli otto maggiori istituti bancari italiani che realizzano ricavi per 63,5 miliardi di euro (+10,3% rispetto al 2005) e utili netti per 14,2 miliardi (+26,6%) con utili che crescono di tre volte rispetto ai ricavi, oltre 3 milioni di pensionati percepiscono un assegno che va dai 500 ai 1.000 euro al mese, la metà dei ricercatori scientifici guadagna tra gli 800 ed i 1.200 euro al mese e, secondo gli ultimi dati Istat, sono in condizione di povertà relativa 2.585.000 famiglie: una su dieci.

Povere in Italia 7.577.000 persone, il 13% di tutti gli italiani. Una povertà che colpisce soprattutto i giovani, fattore legato, secondo il rapporto al largo ricorso al lavoro temporaneo. Una realtà che riguarda tre milioni e mezzo di persone, tra lavoratori a tempo determinato, lavoratori interinali e partite Iva improprie.

Mentre Unicredit realizza utili netti per 5,4 miliardi, Intesa-San Paolo per 4 miliardi e Capitalia per 1,1 miliardi. Eni chiude con un utile netto di 9,2 miliardi di euro, e nonostante un debito di 37,3 miliardi, Telecom Italia ha chiuso il 2006 con un utile netto di 3 miliardi di euro.

I dati positivi delle Holding non spiegano però come il mercato del lavoro possa offrire così poco: l'Italia -sottolinea il rapporto- rimane l´unico Paese europeo insieme alla Grecia, a non avere misure a sostegno al reddito. E continua ad essere uno dei Paesi a maggiore evasione fiscale: almeno 100 i miliardi di entrate erariali perse su un reddito evaso di almeno 250 miliardi di euro ogni anno. In compenso continuano ad aumentare i benefit della politica. Solo per un esempio, la macchina del Senato nel 2007 costerà ai contribuenti 582 milioni di euro. E i costi amministrativi si aggireranno intorno ai 70 miliardi di euro.
Il 4,6% del Pil.

(fonte: Redattore Sociale)

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 20 giugno 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB