spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Altri argomenti arrow Articoli arrow Gli americani in Caserma - I vicentini in Piazza
Gli americani in Caserma - I vicentini in Piazza PDF Stampa E-mail
Scritto da M.Giuliani   
giovedì 05 luglio 2007

ImageIl 4 luglio gli americani celebrano, dovunque siano, la festa dell’indipendenza. Festeggiano anche a Vicenza, alla Caserma Ederle, la fine della loro dipendenza dall’Inghilterra.Quest’anno il 4 luglio è stata festa anche per il Comitato del No al  Dal Molin fondato dei cittadini di Vicenza .Gli Americani hanno festeggiato  dentro la Caserma Ederle, i Vicentini  nella loro Piazza dei Signori, cuore della città liberata. Come, di fronte alla svendita di Vicenza fatta dal sindaco e dalla sua amministrazione, i cittadini di Vicenza si erano autonominati “l’altro comune” scoperchiando  una verità che gli amministratori di destra volevano tener nascosta, il 4 luglio si sono autonominati “l’altro ministero degli esteri” dichiarando finita la servitù militare che  lega Vicenza agli Usa.

Il 4 luglio a Vicenza “l’altro ministero degli esteri” formato dal comitato NO al Dal Molin ha  celebrato   la festa di richiesta per la fine di una servitù militare che, a partire dall’armistizio del 1943, si è consolidata attraverso una serie di trattati – l’ultimo del settembre 2001 – tuttora rigorosamente secretati e che nessuno dei governi italiani  ha avuto il coraggio di svelare.

L’europarlamentare Luisa Morganitini  ha scritto alle donne del comitato vicentino :

“Ogni volta che si parla di riduzione delle spese militari o di riconversione, si risponde con facili ricatti  occupazionali, invece di mettere in luce i reali vantaggi per  la sicurezza umana, come ad esempio gli investimenti che si potrebbero fare per combattere la fame nel mondo o debellare le malattie.

Lo Stato italiano sostiene  il 41% delle spese di mantenimento delle basi USA nel nostro Paese, e,  secondo i dati del Rapporto Sipri 2007, l'Istituto di ricerca della pace di Stoccolma- nel 2006, le spese militari mondiali sono salite a 1204 miliardi di dollari, il 3,5% in più rispetto all'anno precedente.  Come se non bastasse, l’amministrazione Bush ha deciso di potenziare anche in altre aree d’Europa l’apparato bellico statunitense che è al primo posto con  538,7 miliardi di dollari, il 46% dell'intera spesa militare mondiale. Anche l’Italia, dove la spesa militare è aumentata del 37% in 10 anni ed è all'ottavo posto della graduatoria mondiale, con 29,9 miliardi di dollari,  non è esente dalla follia: un’inchiesta recente di Rainews24 ha dimostrato che 50 bombe atomiche sono attualmente ospitate nella base Nato di Aviano e altre 40 nella base italiana di Ghedi, vicino Brescia.  

Il Governo Italiano è chiamato, dunque,  anche con la vostra festa, a rispondere del rispetto della legalità e della propria Costituzione” (M.Giuliani da Bruxelles)

 

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB