spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Altri argomenti arrow Articoli arrow Gli americani in Caserma - I vicentini in Piazza
Gli americani in Caserma - I vicentini in Piazza PDF Stampa E-mail
Scritto da M.Giuliani   
giovedì 05 luglio 2007

ImageIl 4 luglio gli americani celebrano, dovunque siano, la festa dell’indipendenza. Festeggiano anche a Vicenza, alla Caserma Ederle, la fine della loro dipendenza dall’Inghilterra.Quest’anno il 4 luglio è stata festa anche per il Comitato del No al  Dal Molin fondato dei cittadini di Vicenza .Gli Americani hanno festeggiato  dentro la Caserma Ederle, i Vicentini  nella loro Piazza dei Signori, cuore della città liberata. Come, di fronte alla svendita di Vicenza fatta dal sindaco e dalla sua amministrazione, i cittadini di Vicenza si erano autonominati “l’altro comune” scoperchiando  una verità che gli amministratori di destra volevano tener nascosta, il 4 luglio si sono autonominati “l’altro ministero degli esteri” dichiarando finita la servitù militare che  lega Vicenza agli Usa.

Il 4 luglio a Vicenza “l’altro ministero degli esteri” formato dal comitato NO al Dal Molin ha  celebrato   la festa di richiesta per la fine di una servitù militare che, a partire dall’armistizio del 1943, si è consolidata attraverso una serie di trattati – l’ultimo del settembre 2001 – tuttora rigorosamente secretati e che nessuno dei governi italiani  ha avuto il coraggio di svelare.

L’europarlamentare Luisa Morganitini  ha scritto alle donne del comitato vicentino :

“Ogni volta che si parla di riduzione delle spese militari o di riconversione, si risponde con facili ricatti  occupazionali, invece di mettere in luce i reali vantaggi per  la sicurezza umana, come ad esempio gli investimenti che si potrebbero fare per combattere la fame nel mondo o debellare le malattie.

Lo Stato italiano sostiene  il 41% delle spese di mantenimento delle basi USA nel nostro Paese, e,  secondo i dati del Rapporto Sipri 2007, l'Istituto di ricerca della pace di Stoccolma- nel 2006, le spese militari mondiali sono salite a 1204 miliardi di dollari, il 3,5% in più rispetto all'anno precedente.  Come se non bastasse, l’amministrazione Bush ha deciso di potenziare anche in altre aree d’Europa l’apparato bellico statunitense che è al primo posto con  538,7 miliardi di dollari, il 46% dell'intera spesa militare mondiale. Anche l’Italia, dove la spesa militare è aumentata del 37% in 10 anni ed è all'ottavo posto della graduatoria mondiale, con 29,9 miliardi di dollari,  non è esente dalla follia: un’inchiesta recente di Rainews24 ha dimostrato che 50 bombe atomiche sono attualmente ospitate nella base Nato di Aviano e altre 40 nella base italiana di Ghedi, vicino Brescia.  

Il Governo Italiano è chiamato, dunque,  anche con la vostra festa, a rispondere del rispetto della legalità e della propria Costituzione” (M.Giuliani da Bruxelles)

 

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB