spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Giugno 2019 Luglio 2019 Agosto 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 27 1 2 3 4 5 6 7
Settimana 28 8 9 10 11 12 13 14
Settimana 29 15 16 17 18 19 20 21
Settimana 30 22 23 24 25 26 27 28
Settimana 31 29 30 31
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Lavoro&pari opportunità arrow Informazioni e notizie arrow L'immagine della donna nell'analisi della Consulta Interreligiosa Giovanile
L'immagine della donna nell'analisi della Consulta Interreligiosa Giovanile PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
mercoledì 18 luglio 2007

ImageROMA – La donna ed il suo ruolo nelle società contemporanee multietniche è il tema scelto dai giovani della Consulta Intereligiosa per la presentazione del proprio primo documento autonomo. Formata da 16 giovani appartenenti a 11 confessioni religiose diverse, ed istituita da pochi mesi preso il ministero delle Politiche giovanili e le attività sportive (Pogas) e il ministero dell’Interno, segnala con questo documento tre aree di attenzione. Presentato il 17 luglio a Largo Chigi, sede del ministero delle Politiche giovanili, affronta temi quali donne vittime di violenza, donne, famiglia, maternità e lavoro, ed il rapporto tra donne e media nei termini dell'immagine che della donna si propone.

Il documento, sottoscritto dalla Ministra Melandri, dalla Ministra per le Pari Opportunità, Barbara Pollastrini e dal ministro dell’Interno, Giuliano Amato, analizzare il ruolo della donna nella società come la "cartina al tornasole per capire il grado di civiltà di una società”.

Apprezzamento per il lavoro della Consulta è stato espresso anche dalle Nazioni Unite, iniziativa che verrà riproposta a livello internazionale come esempio di buone pratiche sociali.

le donne -si legge nel testo del documento- “andrebbero sostenute nella vololtà di coniugare maternità e legittima realizzazione professionale”.

Paricolarmente esecrabile viene ritenuta ogni tipo di discriminazione di genere, che diventa assai più vergognosa quando si colora di ulteriori aspetti legati all’appartenenza etnica, religiosa o sociale.

Sul tema dell’immagine invece, si condannano quelle rappresentazioni “che tendono a costruire un modello femminile svuotato di contenuti ed eccessivamente affidato a una dimensione stereotipata della corporeità”.

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 18 luglio 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB