spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Novembre 2019 Dicembre 2019 Gennaio 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1
Settimana 49 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 50 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 51 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 52 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 1 30 31
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Aspettando Vinitaly 2019 arrow Donne Palestinesi in Italia per costruire la pace
Donne Palestinesi in Italia per costruire la pace PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
sabato 04 agosto 2007

ImageLe donne Palestinesi di Ramallah-Al-Bereh, in visita nel nostro paese per avviare uno scambio di conoscenze sulle politiche sociali dei rispettivi Governi, hanno incontrato la Sottosegretaria Donatella Linguiti. Nel corso dell'incontro del primo agosto presso la sede del Ministero per i Diritti e le Pari Opportunità, la delegazione dell’Association of Women for Training e Rehabllitation denuncia, come negli ultimi anni l’inasprirsi del conflitto abbia portato per le donne una riduzione consistente di ogni margine di autonomia e libertà.

 

Libertà sempre più limitate per le donne della Palestina, a partire da quella economica: a fronte di un livello alto di istruzione, lavora solo il 12% delle palestinesi con forti discriminazioni salariali, mentre sono aumentati i matrimoni forzati, le violenze domestiche e l’abbandono scolastico della ragazze.

Tra le priorità emerse durante l'incontro, su tutte la necessità di una maggiore partecipazione politica in un contesto dove “Si lavora per mantenere quei diritti così faticosamente conquistati e per non ritornare indietro”. In questo senso diventa necessario attivare una rete concreta di rapporti che consentano la rottura dell’isolamento che sta piegando il popolo palestinese e penalizzando doppiamente le donne.

 

“Rompere l’isolamento è un modo per costruire la pace – ha dichiarato la Sottosegretaria Linguiti– […] l’urgenza delle domande, concrete e non rinviabili, poste oggi,  obbliga a risposte altrettanto concrete: la questione delle donne palestinesi troverà un momento di visibilità importante all’interno della Conferenza delle Donne del Mediterraneo, che si terrà entro fine anno, conferenza voluta da questo Ministero che si propone di costituire un momento di scambio fra donne dentro e fuori i luoghi di conflitto.

 

Dare piena visibilità al lavoro che queste donne stanno faticosamente portando avanti da anni è il modo migliore per rispondere alla domanda di visibilità: c’è bisogno di tessere una trama duratura di pace, costruire legami continui che riparino all’isolamento in cui la contingenza e la drammaticità del quotidiano costringono. E’ questo l’unico modo che abbiamo, oggi, per portare avanti una cultura di pace”.

 

Ultimo aggiornamento ( sabato 04 agosto 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB