spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 19 arrow Ragazze e carriera scientifica
Ragazze e carriera scientifica PDF Stampa E-mail
Scritto da Surfing   
mercoledý 01 agosto 2007

ImageROMA - Rossella Palomba dell’Istituto per le ricerche sulla popolazione e le politiche sociali (Irpps) del Consiglio nazionale delle ricerche, e Ambasciatrice europea per le pari opportunità nella scienza, ha incontrato 2mila tra studenti e studentesse di 43 scuole italiane nell’ambito del progetto “Diva” nato per sensibilizzare i giovani, e soprattutto le giovani, alle carriere scientifiche. Ne è nato uno studio dal quale emergono due diverse percezioni della figura del ricercatore: per le ragazze ricerca vuol dire libertà (18%), mentre per i ragazzi rappresenta il piacere della scoperta (24%).

“Dai questionari - spiega Palomba - emerge che sia gli studenti sia le studentesse sono molto interessati a saperne di più sulla scienza e sul lavoro di scienziato […] Il dato preoccupante è che il tema delle pari opportunità in generale non è sentito come rilevante neppure dalle giovani donne: per questo è importante che gli insegnanti ne discutano in classe”.


Se DIVA nelle scuole ha l’obiettivo di stimolare l’interesse dei giovani e delle givani delle scuole secondarie ad avvicinarsi al mondo della scienza, il progetto “madre” persegue principalmente tre obiettivi: (1) aumentare la consapevolezza delle ricercatrici sull'esistenza di stereotipi di genere nell’ambiente scientifico attraverso gruppi di discussione all’interno di centri di ricerca pubblici e privati; (2) sensibilizzare le studentesse della scuola secondaria sull’importanza del lavoro scientifico promuovendo un'immagine positiva del lavoro di ricerca; (3) sensibilizzare i decisori politici sullo spreco di talenti femminili prodotto dalla bassa partecipazione femminile nella scienza, e incentivare il dibattito e l’azione politica sulle pari opportunità in questo settore.


I risultati della ricerca sono stati presentati lo scorso 19 luglio alla Camera dei Deputati alla presenza –tra gli altri- di Franca Bimbi, presidente della Commissione Politiche dell’Unione Europea, Silvana Vallerga dell’Ismar-Cnr e rappresentante dell’Helsinki Group dell’Unione Europea, Fiorenza Taricone, presidente Associazione Coordinamento Comitato Pari Opportunità delle Università.

Ultimo aggiornamento ( sabato 04 agosto 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB