spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Settembre 2017 Ottobre 2017 Novembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 39 1
Settimana 40 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 41 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 42 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 43 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 44 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Violenza di genere arrow Articoli arrow Violenza di Genere. Ne parla “Viva l’Italia”
Violenza di Genere. Ne parla “Viva l’Italia” PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
mercoledì 01 agosto 2007

Image Che la principale causa di morte delle giovani donne italiane entro i 40 anni di età fosse la violenza in famiglia, noi lo sapevamo e lo abbiamo purtroppo raccontato tante e tante volte. Che la “famiglia” sia spesso un luogo pericoloso e violento, una “piccola casetta degli orrori” lo raccontano le cronache quotidiane. Lo raccontano, è vero, ma soltanto nelle pagine cittadine e questo impedisce di vedere quanto la violenza in famiglia sia radicata e diffusa . La statistica nazionale , Il Muro della vergogna" mostrato ieri sera in TV da "W l'Italia Diretta" , se vuoi ,devi aggiornarlo da sola o rintracciare i numeri sulle riviste scritte da donne e sui siti delle giornaliste on line. L’informazione dei mass media è bloccata, ostinatamente si rifiuta di mettere tutti insieme questi mariti, padri, fratelli che vuoi per un raptus di “follia” vuoi per tanto “amore e gelosia” massacrano le loro mogli, figlie, fidanzate, amiche. ....

Ieri sera, 31 luglio, a Roma, la bella trasmissione di Riccardo Iacona, “W l’Italia” andata in onda su Rai tre, direttamente dal giardino della Casa Internazionale delle donne di Roma ha messo bene in luce questo orrendo “Femminicidio” che si consuma quotidianamente in Italia. E lo ha fatto inserendolo nel quadro della politica di “apartheid” che nel nostro paese si applica alle donne. Così come nei paesi razzisti africani, la maggioranza di neri, era tenuta lontano dal potere, altrettanto pervicacemente in Italia, la minoranza del 48% di uomini, attenti a conservare i propri privilegi, tiene accuratamente distanti da tutti i luoghi in cui si realizza potere e si prendono decisioni che influiscono sulla collettività ,una maggioranza del 52% di donne, che, tra l’altro sono la parte più colta del paese, si laureano in maggior numero degli uomini e in minor tempo. La lista accurata (e deprimente) della segregazione di sesso in Italia presentata nel corso della trasmissione ha riguardato tutti gli ambiti, pubblici e privati, dell’impresa e della politica, dell’università e della ricerca, delle banche e delle assicurazioni, dei giornali e dell’editoria.

La ministra Barbara Pollastrini, presente in diretta , ha sostenuto il suo impegno per il superamento di questa condizione , certo non sarà facile raggiungere i risultati ottenuti da Zapatero in Spagna con la Ley Organica contro la violenza , ma almeno primi efficaci passi contro la discriminazione di genere e verso la redistribuzione più equalitaria delle responsabilità, questo si.

La serata si è conclusa con la presentazione per la prima volta in televisione della proposta di legge di iniziativa popolare presentata dall’UDI “50e50” , presente sul nostro sito.

Ultimo aggiornamento ( giovedì 02 agosto 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB