spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Altri argomenti arrow Articoli arrow Bologna con gli immigrati, contro il lavoro nero
Bologna con gli immigrati, contro il lavoro nero PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
giovedì 09 agosto 2007

ImageBOLOGNA – Agli immigrati irregolari o impiegati in “nero” che denunciano i propri sfruttatori, il Questore di Bologna annuncia che applicherà subito l'ultima circolare Amato. Si tratta della circolare che invita a estendere l'art. 18 per lo sfruttamento sessuale, agli stranieri vittime dei ''caporali''. Non solo protezione sociale, dunque, ma anche assistenza e reinserimento lavorativo per chi denuncia di essere sfruttato e ricattato in quanto “clandestino”. Cauta invece la Cgil locale sull'interpretazione.

Non solo il permesso di soggiorno, ma anche la "protezione sociale” e la possibilità di un'occupazione regolare per gli immigrati costretti a lavorare in nero. Sempre se decidono di denunciare i “caporali” che li sfruttano. Il Questore di Bologna, Francesco Cirillo, ha annunciato che applicherà subito l"ultima circolare Amato del 4 agosto scorso. Finora la protezione sociale prevista dall’art.18 della Legge Turco-Napolitano, con l’avvio di percorsi di formazione e inserimento al lavoro, ha riguardato soprattutto le prostitute “clandestine” che denunciano gli sfruttatori: ma il ministro ora invita ad estenderla ai lavoratori stranieri sottoposti a violenza, estorsione e caporalato.


“Chi collabora alle indagini sul lavoro nero – ha detto Cirillo – avrà il permesso di soggiorno e potrà anche lavorare regolarmente. Mi pare che questa circolare del ministro metta fine ad una sorta di schizofrenia normativa, per la quale chi aiuta a far emergere il lavoro clandestino si ritrova poi condannato a rimanere in quella morsa, perché il permesso di soggiorno 'speciale’ gli consente di rimanere qui, ma non di lavorare in regola”. L’intervento di Amato è un’anticipazione della nuova legge contro lo sfruttamento del lavoro irregolare, un testo già approvato in Senato e ora all’esame della Camera: in sostanza, in attesa del sì parlamentare e visto che d’estate aumenta il fenomeno della manodopera stagionale, il ministro invita gli organi di Polizia ad avvalersi intanto degli strumenti di legge già esistenti. Come appunto l’art.18 della Turco-Napolitano. Il permesso di soggiorno “per motivi di protezione sociale” consente infatti di avviare un programma di assistenza e reinserimento lavorativo per chi denuncia di essere sfruttato e ricattato in quanto “clandestino”.


"A Bologna – ha ricordato il questore Cirillo – già un anno e mezzo fa ci eravamo occupati della questione con il sindaco Cofferati, quando 14 lavoratori extracomunitari dell’Est Europa si rivolsero al Comune per denunciare i loro sfruttatori”. Ora la circolare Amato sembra migliorare ancora le prospettive degli immigrati che vogliono uscire dal ricatto del “sommerso”. “Chi ha subito vessazioni – ha aggiunto il questore – e non ha responsabilità nell’ingresso clandestino suo e di altri nel Paese, non ha nulla da temere”. Ma Roberto Morgantini, responsabile dell’Ufficio stranieri Cgil di Bologna, si mantiene molto prudente. E ricorda che quei 14 immigrati dall’Est citati da Cirillo “sono ancora in attesa di regolarizzazione”. “Con l’ultima circolare Amato – commenta Morgantini - la situazione migliorerà un po’, ma soprattutto per il caporalato nelle campagne. In base all’esperienza degli sportelli immigrazione del sindacato, non basta denunciare il lavoro nero per avere il permesso. E non possiamo esporre gli immigrati al rischio di espulsione nel caso in cui le denunce non vengano accolte”.

(Redattore Sociale)

Ultimo aggiornamento ( giovedì 09 agosto 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB