spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Altri argomenti arrow Annunci arrow Nel mondo i decessi dei bambini sotto i 5 anni scendono a meno di 10 milioni.
Nel mondo i decessi dei bambini sotto i 5 anni scendono a meno di 10 milioni. PDF Stampa E-mail
Scritto da Surfing   
domenica 16 settembre 2007

Image9,7 milioni di morti infantili lo scorso anno rispetto ai 13 milioni del 1990. Un dato "storico" ha affermato la Direttora generale dell'Unicef Ann M. Veneman ricordando che tra gli obiettivi del millennio vi è l"impegno a ridurre di 2/3 la mortalità infantile entro il 2015. Non vi è però ragione di compiacersi, ha saggiunto il : “La perdita ogni anno di 9,7 milioni di giovani vite è inaccettabile. La maggior parte di queste morti sono prevenibili e, come dimostrano i recenti progressi, le soluzioni sono sperimentate e collaudate. Sappiamo che la vita dei bambini può essere salvata quando abbiano accesso a servizi sanitari integrati, erogati su base comunitaria e sostenuti da un efficace sistema di rinvio a strutture specializzate”.

I nuovi dati sulla mortalità infantile sono ricavati da una gamma di fonti statistiche, inclusi due gruppi di ricerche realizzate su base familiare; rilevazioni indicatori multi-campione (MICS) e rilevazioni demografiche su base familiare (DHS). L’ultima serie di indagini su indicatori multi-campione (MICS) è stata effettuata da Unicef e altre agenzie Onu tra il 2005 e il 2006 in oltre 50 paesi e, insieme alle rilevazioni Dhs finanziate da Usaid, costituisce la più ampia fonte di informazioni sugli Obiettivi di sviluppo del millennio e la base di valutazione dei progressi in termini di sopravvivenza infantile. I risultati confermano i rapporti già pubblicati quest’anno sui progressi contro la mortalità da morbillo, con un calo del 60% rispetto al 1999, che arriva al 75% nell’Africa sub-sahariana. Un rapido declino della mortalità sotto i 5 anni si è avuto nelle regioni dell’America latina e Caraibi, dell’Europa centrale e orientale, nella Comunità degli Stati Indipendenti, nell’Asia orientale e Pacifico. Rispetto alle precedenti rilevazioni del 1999-2000, molti paesi hanno compiuto progressi particolarmente significativi, con il Marocco, il Vietnam e la Repubblica Dominicana che hanno ridotto i tassi di mortalità infantile di oltre 1/3, il Madagascar del 41% e Sao Tome e Principe del 48%.

Dei 9,7 milioni di morti infantili che si verificano ogni anno, 3,1 milioni avvengono nell’Asia meridionale e 4,8 nell’Africa sub-sahariana. Nei paesi in via di sviluppo i tassi di mortalità infantile sono considerevolmente più elevati tra i bambini che vivono nelle aree rurali e nella famiglie più povere. Nei paesi sviluppati si registrano appena 6 morti infantili ogni 1.000 nati vivi. America latina e Caraibi sono sulla via di raggiungere l’Obiettivo del millennio relativo alla mortalità infantile, con 27 decessi infantili ogni 1.000 nati vivi, contro i 55 del 1990. Si registrano progressi significativi anche in alcune parti dell’Africa sub-sahariana: tra il 2000 e il 2004 la mortalità sotto i 5 anni è diminuita del 29% in Malawi e di oltre il 20% in Etiopia, Mozambico, Namibia, Niger, Ruanda e Tanzania. I più alti tassi di mortalità infantile si registrano ancora nei paesi dell’Africa centrale e occidentale; in Africa meridionale i progressi faticosamente ottenuti sono messi a rischio dalla diffusione dell’Hiv/Aids.

Molti dei progressi ottenuti sono il risultato dell’adozione su vasta scala di interventi sanitari di base, come l’allattamento al seno immediato ed esclusivo, la vaccinazione contro il morbillo, la somministrazione di vitamina A e l’utilizzo di zanzariere trattate con insetticidi per prevenire la malaria. Inoltre, rispetto al passato, si registra a livello mondiale un sostegno senza precedenti alla sanità, con un aumento degli stanziamenti di fondi e più estese alleanze tra i governi, il settore privato, le fondazioni internazionali e la società civile. “I nuovi dati dimostrano che i progressi sono possibili, quando si agisca con rinnovata urgenza per estendere gli interventi che si sono già rivelati efficaci”, ha dichiarato il Direttore Generale dell’UNICEF Ann M. Veneman: “Vi è un immediata necessità di intervenire, in Africa e altrove”.

© Copyright Redattore Sociale
Ultimo aggiornamento ( domenica 16 settembre 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB