spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Donne al top arrow Politica arrow Aung San Suu Kyi tornerà libera presto?
Aung San Suu Kyi tornerà libera presto? PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
lunedì 24 settembre 2007

Image A Rangoon, il 22 settembre, la premio nobel per la pace Aung San Suu Kyi ha rotto l’isolamento in cui è stata confinata dalla giunta militare golpista che tiranneggia la Birmania dal 1988. Lo ha fatto perché invocata dai giovani monaci buddisti e dalla popolazione che ancora una volta, come nel 1988, si mobilitano uniti contro i tiranni. “Lunga vita alla Signora San Suu Kyi, che possa tornare libera presto” invocavano i giovani religiosi birmani. Aung, 62 anni, ha trascorso gli ultimi 18 anni, prigioniera nel suo domicilio, controllato notte e giorno dai militari che la imprigionarono dopo la sua vittoria alle elezioni democratiche del 1990.

In esilio in Inghilterra vivono i figli e in quel paese è morto, senza che lei potesse rivederlo, il marito. La novità che da speranza al movimento odierno e legata alla forte presenza dei religiosi nel paese, sono 600.000 , piu numerosi dell’esercito. La sollevazione popolare, malgrado sia stata duramente repressa con centinaia di arresti e feriti nelle prime giornate, prosegue e si allarga ad altre città: a questa si sono uniti i monaci, uscendo dall’isolamento delle loro pagode e conventi. I monaci, dopo il ferimento di alcuni religiosi, hanno scelto di escludere dalla comunità religiosa del paese i militari . Lo hanno fatto rifiutando l’elemosina e il cibo dai militari e rifiutando loro la benedizione e i riti sacri. E hanno mostrato la loro scelta di campo a tutto il paese marciando verso la casa di Aung , luogo proibito per tutti , simbolo vivente di democrazia e voglia di pace.

Ultimo aggiornamento ( martedì 25 settembre 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB