spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica Italiana arrow Rosy Bindi: perchè dovreste scegliere me
Rosy Bindi: perchè dovreste scegliere me PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
giovedì 11 ottobre 2007

ImageIl quotidiano Repubblica ha chiesto ai candidati premier del Partito Democratico  tre buoni motivi per scegliere proprio loro invece degli altri alle prossime primarie. La risposta di Rosy Bindi www.scelgorosy.it


1. Con la mia candidatura ho riaperto le primarie e permesso ai cittadini di scegliere, scongiurando il rischio di una ratifica plebiscitaria del candidato unico designato dalle segreterie dei partiti. (segue)

..Dopo tante parole e promesse per il futuro penso sia giusto che una donna, senza aspettare di nuovo e sempre la prossima volta, rompa il tabù del potere che aveva già stabilito chi doveva essere il segretario e il suo vice. E la mia sfida ha reso più forte la battaglia della parità anche nelle liste.

2. Ho proposto una chiara visione del Pd: un partito nuovo, aperto e plurale, che prevede le primarie per la scelta dei suoi dirigenti a tutti i livelli. Un partito chiaramente alternativo al centrodestra che sostiene in modo leale il governo Prodi e rafforza l'unità del centrosinistra. Un partito che si schiera per il bipolarismo e una democrazia governante, senza inciuci o tentazioni neocentriste.

3. Lavorerò per un Pd capace di scelte forti e impegnative. Per un'Italia più libera, più ricca e più giusta. Bisogna liberare la società dai troppi condizionamenti impropri della politica e sulla politica; premiare il merito e il principio di responsabilità; favorire la crescita del Pil ma anche della cultura, dei saperi e dei figli. Bisogna ridurre le disuguaglianze territoriali e sociali, restituire prospettive di futuro e stabilità di vita ai giovani.

Ultimo aggiornamento ( lunedì 15 ottobre 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB